USA: FIDUCIA DEI CONSUMATORI MIGLIORE DELLE STIME

29 Giugno 2004, di Redazione Wall Street Italia

Nel mese di giugno l’indice che misura la fiducia dei consumatori negli Stati Uniti e’ balzato a 101.9 punti. Il dato di maggio era stato di 93.1.

Si tratta del livello piu’ alto degli ultimi 2 anni. Ad alimentare il rialzo, secondo un’indagine, la crescita dell’occupazione e il calo del prezzo del petrolio.

Lo ha comunicato il Conference Board, istituto di ricerca privato con sede a New York.

L’indicatore si e’ rivelato nettamente superiore alle previsioni del mercato. Gli analisti avevano infatti stimato un dato a quota 95.

Ellen Beeson, economista alla Bank of Tokyo-Mitsubishi a New York, ha commentato su Bloomberg che “finalmente l’ottimismo sul mercato del lavoro sta superando le preoccupazioni su Iraq e prezzi del petrolio”.

Lynn Franco, direttore del Consumer Research Center presso il Conference Board, ha dichiarato che “il dato riflette le aspettative dei consumatori di crescita dell’economia e di generazione di nuovi posti di lavoro”.

Con 1 milione di nuovi posti di lavoro creati nel 2004, i consumatori sono decisamente piu’ ottimisti e il numero di quanti hanno affermato che e’ difficile ottenere un lavoro e’ sceso al 26.5% dal 30.3% del mese precedente. Il numero di quanti hanno definito “abbondanti” i posti di lavoro e’ salito al 18% dal 16.6% dello scorso mese.

Un percentuale superiore di consumatori (il 19.3% contro il 17.1% dello scorso mese) inoltre, crede che il reddito aumentera’.