USA: DISOCCUPAZIONE, SUSSIDI STABILI A 505000

19 Novembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Nella settimana che si e’ conclusa il 14 novembre le nuove richieste per sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti sono rimaste invariate a 505.000, segnalando una situazione ancora precaria del mercato del lavoro. Va infatti tenuto conto del fatto che da ormai 53 settimane consecutive le richieste di indennita’ rimangono sopra quota 500.000. a sign firings are letting up as the economy recovers.

Il dato si e’ rivelato leggermente inferiore delle attese del mercato, che erano in media pari ad un valore di 504.000 unita’. Il valore della settimana scorsa e’ stato rivisto al rialzo di 3000 unita’ a quota 505.000.

Lo ha comunicato il Dipartimento del Lavoro Usa. Il numero di persone che continua a ricevere assegni di sussidio e’ invece sceso a 5.61 da 5.65 milioni. Si tratta del livello piu’ basso dallo scorso marzo.

Non correre il rischio di perdere il rialzo di Wall Street. Guadagna con INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa meno di un caffe’, solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

Dall’inizio della recessione gli Stati Uniti hanno perso 7.3 milioni di posti di lavoro, il maggiore calo di qualsiasi rallentamento economico visto dopo la seconda guerra mondiale. E’ probabile che bisognera’ aspettare del tempo prima che le societa’ ricomincino ad assumere. Le aziende hanno infatti la possibilita’ di ricorrere a soluzioni alternative, come quella di aumentare le ore di lavoro dei dipendenti attuali,

“La perdita di posti di lavoro e’ in fase di moderazione”, ha dichiarato prima della pubblicazione del report Joel Naroff, chief economist di Naroff Economic Advisors. Ciononostante, “le attivita’ hanno spazio e modo di espandersi anche senza assumere molti nuovi dipendenti”.