USA: BUSH MANIPOLA DOLLARO PER VINCERE ELEZIONI

5 Giugno 2003, di Redazione Wall Street Italia

Per il guru della finanza George Soros, il dollaro debole “é frutto di una manipolazione operata dalle autorità americane nell’urgenza di assicurare la ripresa economica prima delle elezioni”. Il miliardario americano lo ha affermato in un intervento presso l’università pubblica di Mosca, aggiungendo che l’amministrazione Bush “sta usando ogni mezzo per stimolare l’economia e ha ben percepito che il dollaro debole, mentre è un danno per Eurolandia, risulta un beneficio per l’economia stelle e strisce”. “Visto che l’economia di Eurolandia è debole, se l’economia americana comincia a dare segni di risveglio – ha aggiunto Soros – gli investitori punteranno sugli asset denominati in dollaro” “Ma forse – ha aggiunto Soros – non hanno realizzato la violenza della reazione da parte dei mercati. Solo successivamente hanno capito che stanno facendo un gioco pericoloso”. “E non sono sicuro che stiamo alla fine della storia – ha concluso Soros – perché le valute, quando cominciano a muoversi, hanno la tendenza a farlo in rafforzamento difensivo e generalmente si muovono in cicli di diversi anni”.(ANSA).