Urge piano B o l’Italia rischia di fare la fine della Grecia

16 Luglio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – “La prossima recessione di Eurolandia potrebbe essere fatale per l’euro. Ecco perché mai come ora è necessario un piano B”.

Lo scrive in un editoriale David McWilliams, giornalista dell’Indipendent, che critica fortemente la gestione della crisi greca da parte delle autorità europee e tedesche in particolare.

“Nessuno gestirebbe la crisi così male come stanno facendo i burocrati di Bruxelles, neppure il primo negozio all’angolo”, si legge nell’editoriale, in cui parte del problema viene ricondotto alla centralità del ruolo della Germania che, mai come ora, detta regole nell’Eurozona in maniera incondizionata.

“Se in passato la Francia era abbastanza forte per fare resistenza ai tedeschi, oggi non succede più. Parigi è debole e il suo presidente non ha né la credibilità di Mitterand o Chirac, né la faccia tosta di Sarkozy. Gli inglesi, d’altro canto, sono fuori dal club. La Gran Bretagna potrebbe lasciare l’Unione europea in balia dei tedeschi”.

Secondo McWilliams qualora l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue dovesse rivelarsi positiva in termini di crescita economia, ciò dimostrerebbe che l’approccio norvegese, britannico e svizzero, ovvero di libero scambio, all’interno di mercato globale è “molto più piacevole che essere alle dipendenze della Germania”.

Un esempio chiaro del comando senza freni del governo tedesco, spiega l’autore, è dato dalla Grecia “messa nelle condizioni in cui il paese non è più uno stato sovrano. E di questo dovremmo tutti essere spaventati”, continua Mc Williams, sottolineando che la sopravvivenza dell’euro non è più dato per scontato.

“Italia, Spagna e Portogallo rischiano di fare la stessa fine della Grecia. Si tratta di paesi dotati di enormi debiti crescita insufficiente e la disoccupazione alta. Di fatto, non possono competere con i tedeschi, non ne hanno la forza industriale, e, di conseguenza, le loro condizioni di vita sono a rischio” . Da qui la necessità impellente di mettere a punto un piano B, che possa evitare il peggio.

Fonte: The Indipendent

(mt-DaC)