“Unione Europea si disintegrerà entro 15 anni”

15 Ottobre 2015, di Daniele Chicca

LONDRA (WSI) – L’Unione Europea finirà per disintegrarsi nel giro di 15 anni. A esserne convinto è il re del private equity inglese, come è stato soprannominato da Reuters, Guy Hands.

L’Europa si trova a fare i conti con la crisi piu’ grave dai tempi della Seconda Guerra Mondiale, secondo il fondatore di Terra Firma Capital Partners.

Hands pensa che la tempesta perfetta sta per abbattersi sul blocco a 29. La mancanza di leadership, l’avanzata dei partiti estremisti e i flussi migratori da record sono i tre fattori principali che porteranno al disfacimento dell’Ue entro il 2030.

“Non sono sicuro che tra 15 anni l’Unione Europea che siamo abituati a conoscere esisterà ancora. E sono convinto che se non esisterà piu’ ci saranno delle guerre. Non so se saranno guerre internazionali o guerre tra i paesi europei, ma scoppieranno conflitti. E questo scenario mi fa veramente paura”. Hands ha fatto queste dichiarazioni durante una conferenza organizzata a Londra da Bloomberg.

Sinistra e destra stanno guadagnando consensi in Europa dopo che per una ventina d’anni erano partiti finiti”, ha detto aggiungendo che le fazioni politiche di centro stanno perdendo terreno. “Il tutto mentre si presenta questa questione enorme dei migranti”. Questo “mi rende nervoso, perché l’Europa non ha la leadership necessaria a superare tali difficoltà”.

Le dichiarazioni di Hands fanno eco a quelle di Jim Mellon, un magnate con un patrimonio netto del valore di 1,3 miliardi di dollari (850 milioni di sterline) che risulta tra i principali donatori del partito di estrema destra inglese UKIP, il partito anti europeista guidato da Nigel Farage.

Mellon ha detto alla BBC che l’euro è destinato a implodere “nell’arco di 10-15 anni”, quando Italia e Francia finiranno in una spirale del debito come è accaduto già alla Grecia.