Uk avverte Ue: “Brexit caotica minaccerà unità europea”

21 Agosto 2018, di Mariangela Tessa

Una Brexit “caotica” senza un accordo tra Regno Unito e Unione Europea, minaccerà l’unità europea per una generazione.

È questo in estrema sintensi il senso del discorso che oggi il capo della diplomazia britannica Jeremy Hunt (subentrato a Boris Johnson lo scorso luglio) terrà all’Istituto di pace degli Stati Uniti, think tank di di Washington, secondo un estratto del suo intervento anticipati del sito Internet Politico.

“Una delle più grandi minacce all’unità europea sarebbe una Brexit caotica senza accordo” mette in guardia Hunt, sostenendo che la Gran Bretagna “ne uscira’” perché “abbiamo affrontato sfide più importanti nella nostra storia” ma l’Unione europea sarebbe permanentemente colpita.

“Il rischio di un divorzio disordinato” sarebbe “una crepa nelle relazioni tra alleati europei che non si cicatrizzerebbe per una generazione; un errore geostrategico per l’Europa in un momento estremamente vulnerabile della nostra storia”, afferma. “Come ho detto ai governi europei, ora e’ tempo che la Commissione europea consideri con apertura mentale le proposte oneste e costruttive del primo ministro” Theresa May.

Intanto, mentre un accordo tra Uk e Ue sembra lontano, l’imprenditore britannico Julian Dunkerton, co-fondatore del marchio di abbigliamento Superdry, ha donato un milione di sterline (oltre 1,1 milioni di euro) alla campagna ‘People’s Vote’ per un secondo referendum sulla Brexit.

La sua donazione, la più grande ricevuta finora dalla campagna, servirà a finanziare sondaggi di opinione sull’argomento. La campagna punta ad assicurarsi il sostegno del maggior numero possibile dei parlamentari britannici a favore di un referendum sull’accordo che la premier Theresa May raggiungerà con Bruxelles.