TUTTI IN SALA TRADING,
CON PASSIONE

14 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Da qualche anno alcune piccole sim del Nord Ovest offrono postazioni per fare trading all’interno di proprie strutture, con piattaforme, connessioni e assistenza. Dunque, un interessante punto di partenza anche per il neofita che voglia essere seguito, imparare e condividere esperienze.

In effetti, superata nel corso del 2005 la crisi dei mercati e il calo delle commissioni, il segmento delle trading room mostra ora un nuovo fermento. Nel giro di pochi mesi, ad esempio, Enigma Ts ha aperto una sala a Milano e a Padova, Nuovi Investimenti amplierà quella di Milano e intende aprirne una a Bologna, infine Millennium e Twice parlano di «sale» sempre piene.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Su tutte, però, emerge la genovese Sivori sim, fresca di un accordo con Banca Aletti: l’istituto del gruppo Bpvn ha infatti rilevato il 10% del capitale della società ed entro il 2008 acquisirà un altro 20%: «Da tre anni arriviamo ai mercati attraverso Banca Aletti – spiega il presidente, Massimo Sivori – Abbiamo quindi proposto una collaborazione basata sul fatto che i nostri clienti detengono patrimoni ingenti mentre Aletti è focalizzata sul private banking».

Ma non è tutto: «La nostra società – continua Sivori – lavora a un progetto di aggregazione di una decina di sim di Milano, Napoli, Roma, Bologna e Genova; l’idea è mettere a disposizione il nostro servizio di trading online e di sala, centralizzando poi alcune costose funzioni amministrative in un modello di tipo federativo».

Torna quindi la moda delle trading room? «L’interesse c’è – conferma Davide Viano, responsabile trading di Nuovi Investimenti sim – sono infatti numerosi i trader, esperti o meno, che ci contattano per avvicinarsi alle sale. Aggiungo che nel 2007 apriremo otto postazioni anche a Bologna». Interesse ribadito da Mario Cannovale, direttore generale di Enigma Ts: «In pochi mesi abbiamo già riempito metà delle postazioni e i corsi di formazione sono affollati. Non penso però che si possa parlare di tendenza, quanto più di singole iniziative ben gestite».

Nessuna seconda giovinezza, quindi? «No, questa è un’attività ormai stabile – conferma Andrea Tempofosco, ad di Millennium sim – che ha i suoi veri limiti nella difficoltà di trovare dei trader master, cioè direttori di sala-tutor, veramente capaci». Sull’importanza della figura del trader master c’è assoluta unanimità: non solo deve essere un trader esperto, ma deve avere capacità gestionali ed essere in grado di animare e guidare un gruppo.

Come, per esempio, Paolo Serafini, dal 2003 responsabile della sala di Twice sim di Cavarzere (Treviso): «Sulle nostre 14 postazioni girano circa 100 ragazzi che vengono da tutte le regioni d’Italia. Per la mia attività ho qualche agevolazione, ma in realtà lo faccio per passione. A dirla tutta guadagno di più quando la sala è vuota e posso operare. L’ambiente però è molto bello e ci divertiamo, rispettando le regole e lavorando seriamente: in questo modo anche chi comincia trova l’ambiente adatto per arrivare a buoni livelli».


____________________________________________



Parola al trader: «È stimolante»

Fare trading in gruppo è davvero meglio che operare da casa in solitudine? «È un lavoro faticoso – afferma il trader Pietro Miconi, 26 anni di Roma, che opera presso la sala milanese di Enigma Ts – Però quando la motivazione è forte e l’ambiente è stimolante si lavora bene. Personalmente entro la mattina ed esco spesso la sera tardi; negozio dai 10 ai 50 eseguiti al giorno in intraday. Ho fatto il promotore e ho vinto due concorsi per entrare alla Bcc di Roma e al SanPaolo, ma alla fine ho preferito essere libero e condividere con un gruppo le mie esperienze». Ivan Quatrale, genovese di 34 anni lavora, invece, nella trading room di Sivori sim: «Opero qui da tre anni. L’esperienza del trading da casa non è stata buona perché mi mancava il supporto morale, che invece qui ho trovato, unito a un’ottima piattaforma. Non faccio full time perché non mi piace: la mattina lavoro in un’agenzia di pompe funebri, poi alle 13 entro in Sivori e opero fino alle 17.30».

Copyright © Bloomberg – Borsa&Finanza per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved