Tutela privacy: una password a prova di hacker

29 Gennaio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La giornata della privacy – che si è celebrata ieri – è una ricorrenza perfetta per decidere di verificare la sicurezza della nostra password. Gli esperti informatici non hanno dubbi nel ritenere che nessuna password sia veramente sicura, anche se finisce con un punto esclamativo. Per questo suggeriscono facili indicazioni che però possono rilevarsi molto efficaci contro gli attacchi degli hacker.

Il sito web Yahoo!ha condotto un’analisi per studiare come gli utenti internet effettuano la scelta delle password. Ebbene, è emerso che digitare automaticamente i numeri 123456 è in cima alla lista delle password prescelte, seguita dalle parole benvenuto, ninja e abc123. Eppure è chiaro che queste “parole” prescelte non sono le più adatte.

Più le password sono lunghe più ovviamente sono difficili da decifrare. La prima regola è quindi quella di assicurarsi che la lunghezza minima delle password che si sceglie sia rispettata.

Poi numero due bisogna tenere presente di cambiare password almeno due volte all’anno in modo tale da rendere più complicato violare l’account. Non è difficile, ma in quanti lo fanno?