TREVI: CRESCE PRODUZIONE E UTILE NETTO (+77,9%)

31 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

La Trevi-Finanziaria Industriale spa, holding del gruppo Trevi quotata in Borsa, ha chiuso il ’99 con un incremento del 23,8% del valore consolidato della produzione (514,7 miliardi) e un aumento del 77,9% dell’utile netto (13,8 miliardi).

Il consiglio di amministrazione della societa’ (il gruppo Trevi e’ uno dei principali operatori mondiali nei servizi di ingegneria del sottosuolo e delle macchine per fondazioni e perforazioni) ha approvato il progetto di bilancio al 31 dicembre e ha deciso di proporre la distribuzione di un dividendo di circa 30 lire per azione (pari a 1,86 miliardi complessivi) con pagamento a partire dal 25 maggio.

Il margine operativo lordo ha registrato un incremento del 27,2%, passando dai 43,9 miliardi del ’98 a 55,8 miliardi, con una incidenza pari all’11,3% delle vendite nette. E il risultato operativo e’ stato di 30,8 miliardi (+10,6%), pari al 6,2% delle vendite nette.

L’indebitamento finanziario netto e’ di 50,5 miliardi contro i 115,5 del giugno ’99. Il portafoglio ordini al 31 dicembre scorso ammonta a 394 miliardi, di cui l’84% per lavori da eseguire nell’esercizio in corso.

Tra i fattori che hanno contribuito ai risultati del ’99 – spiega la societa’ in una nota – ci sono la crescente penetrazione commerciale negli Usa e lo sviluppo di nuove business area nei settori petrolifero e dei parcheggi.