Trattati Ue contrari a Costituzione italiana: da che parte stare?

1 Marzo 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – La Costituzione italiana e i trattati europei non vanno sempre a braccetto. Anzi, spesso tra questi esiste un conflitto che pone forti perplessita’ al legislatore da quale parte stare.

Di questo argomento si occupa l’ultimo saggio dell’economista Vladimiro Giacche’ dal titolo “Costituzione italiana contro trattati europei. Il conflitto inevitabile”.

A recensirlo ci ha pensato, lo storico italiano, Giuliano Milani che sul sito di Internazionale scrive:

“Com’è noto il primo articolo della costituzione recita che l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro. Si tratta del fondamento di un’idea di società condivisa dai costituenti, secondo cui lo stato ha una notevole importanza nel regolare l’economia. La stessa idea è espressa dagli articoli seguenti, che pongono come priorità il diritto al lavoro e come obiettivo il pieno impiego.

L’idea di società dei trattati europei (e dal nuovo articolo 81 sul pareggio di bilancio) è diversa. Qui la priorità non è il lavoro, ma la stabilità: il ruolo dello stato risulta ridotto, dal momento che anche la moneta è “denazionalizzata”, cioè resa indipendente dal controllo degli stati. Vivere in un paese che deve rispettare la costituzione e i trattati europei significa subire il drammatico conflitto tra queste due visioni della società. Dall’anno scorso questo conflitto è diventato molto concreto.

Nell’aprile del 2015, infatti, una sentenza della corte costituzionale ha dichiarato illegittima la norma, contenuta nel decreto Salva Italia emanato del governo Monti, che bloccava la rivalutazione di alcune pensioni, affermando che era contraria al diritto costituzionale. È molto probabile che questo conflitto tra costituzione e trattati europei tornerà a manifestarsi, ed è bene decidere da che parte stare”.

Fonte: Internazionale