TORNA A PARLARE ROUBINI: “NESSUN POSTO DOVE POTERSI NASCONDERE”

28 Gennaio 2009, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) – I crolli dei mercati azionari mondiali sono sempre piu’ strettamente correlati tra loro, e le economie dei paesi emergenti seguiranno le nazioni sviluppate in una “rigida recessione”: questo il parere del famoso professore dell’Universita’ di New York Nouriel Roubini.

Secondo Roubini la crescita economica cinese scendera’ sotto il 5% e gli Stati Uniti perderanno sei milioni di posti di lavoro. L’economia americana si espandera’ al massimo dell’1% nel 2010, afflitta dalla contrazione delle spese dei privati, mentre il tasso di disoccupazione crescera’ almeno del 9%.

“Non c’e’ nessun posto dove nascondersi”, racconta a Bloomberg Television Roubini, professore di economia alla Stern School of Business di NY, che aveva previsto la crisi finanziaria. “Per la prima volta in decenni abbiamo una recessione globale sincronizzata. I mercati sono diventati perfettamente legati tra loro e cosi’ anche le economie. Non e’ il classico tipo di recessione di minore entita’”.

Il professore suggerisce al governo Usa che dovrebbe nazionalizzare le banche principali perche’ le perdite supereranno gli asset, avvicinando lo spauracchio della bancarotta. Gli istituti bancari potrebbero essere poi privatizzati un’altra volta in due o tre anni. Il professore ha confermato la sua previsione, secondo cui le perdite finanziarie statunitensi piu’ che triplicheranno a $3.6 mila miliardi e che l’azionario globale brucera’ il 20% nel 2009.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

“Nessuno e’ a favore di una statalizzazione a lungo termine del sistema bancario , ma se non lo si fa si finira’ come il Giappone dove sono state mantenute in vita per dieci anni banche ‘zombie’ che non sono mai state ristrutturate” ha aggiunto Roubini. “Sara’ ancora peggio. Quindi e’ meglio ripulire, nazionalizzare le banche e venderle poi al settore privato”

Negli anni ’90 il governo giapponese esito’ a intervenire in tempo per risolvere la crisi finanziaria e poi fini’ per incontrare molte difficolta’ a far ripartire la crescita e combattere la deflazione, in quel periodo meglio noto come “Decennio Perduto”.

Un altro suggerimento dell’economista e’ quello di possedere cash o titoli del debito del Tesoro a breve termine, perche’ i bond garantiscono rendimenti molto alti e sono economici rispetto ai relativi titoli azionari.

Roubini aveva previsto la crisi a luglio del 2006. A febbraio dell’anno scorso ha poi parlato di un disastro di proporzioni “catastrofiche” in arrivo, che i banchieri centrali non sarebbero riusciti a prevenire e che avrebbe portato al fallimento di molte banche e ad un “netto calo” dell’azionario. Da allora Bear Stearns e’ stata ceduta e Lehman Brothers e’ fallita, spingendo da un lato le banche ad accumulare contanti e dall’altro impedendo di fatto ad aziende e famiglie di avere accesso al capitale.

Fonte: Bloomberg