Top banks, sanzioni da oltre 290 miliardi in 4 anni

16 Agosto 2017, di Alberto Battaglia

 

Un conto da ben 290 miliardi di euro: è quanto le 20 maggiori banche al mondo hanno dovuto pagare in multe, spese legali e rimborsi alla clientela dovuti a errori nella propria condotta fra il 2012 e il 2016. Lo attesta una ricerca della Conduct Cost Project Research Foundation la quale ha riscontrato un aumento di tali costi di circa un terzo rispetto ai 4 anni compresi fra 2008 e 2012. A contribuire all’ascesa sono state le sanzioni imposte per le pratiche opache alla base della crisi finanziaria del 2008. Non stupisce quindi, che la condotta più punita sia stata la vendita irregolare dei mutui, per un costo di oltre 71 miliardi di euro.

Le banche che hanno pagato di più sono state, nell’ordine, Bank of America, Jp Mogan, Morgan Stanley. La ricerca ha anche suddiviso le diverse tipologie di violazione, in particolare distinguendo i reati compiuti individualmente o in maniera strutturata. In quest’ultima categoria svettano i costi dovuti fronteggiare da Societe Generale e Ubs. Gli atti propriamente criminali costituiscono l’1,9% del totale, relativamente a quelli individuali, mentre quelli “clustered” arrivano al 6,1%.