TLC: TISCALI CITATA IN GIUDIZIO DA NETFRATERNITY

29 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

Tiscali in tribunale: a citare in giudizio la società di telecomunicazioni guidata da Renato Soru è Netfraternity, che la accusa di violazione di brevetto.

La società, specializzata in pubblicità via Internet e proprietaria della tecnologia ‘VideoBanner’, ritiene che Tiscali abbia copiato il proprio sistema, coperto da brevetto, “per navigare gratis su Internet, e basato sulla barra pubblicitaria non escludibile”.

Dal quartier generale di Tiscali non giunge per ora alcun commento. Quando lo scorso aprile lanciò l’iniziativa “Internet Flat Zero”, sottolineò “l’utilizzo del software di navigazione Tiscali Microportal che, personalizzato e adattato in esclusiva europea per Tiscali dalla societa’ inglese Autonomy, coniuga un motore di ricerca costantemente attivo con un sistema di advertising online”.

Il presidente di Netfraternity Alberto Vazzoler non mette in discussione il software, “anche perché in Italia un software, in quanto tale, non si può proteggere con un brevetto”; sottolinea invece che la violazione riguarda il “nostro sistema, di cui il software e’ solamente un mezzo attuativo”.