TLC: SORPRESE E TIMORI DAI CONTI TELEFONICA E KPN

3 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

Seduta difficile per i telefonici italiani ed europei investiti da notizie non abbastanza positive per invertire il trend ribassista.

Stamani infatti, l’operatore iberico Telefonica, ha presentato i dati del primo semestre chiuso con utile netto consolidato pari a €1,14 miliardi con un rialzo del 16% rispetto ai €989 milioni dello stesso periodo del 2000. Il risultato è migliore delle attese degli analisti che avevano previsto un risultato compreso tra €989 milioni e €1,1 miliardi.

Il fatturato consolidato è salito del 15% a €15,3 miliardi, mentre il margine operativo lordo è stato di €6,79 miliardi (+12,26%).

Dai conti del colosso telefonico spagnolo giunge però anche l’allarme Sudamerica dove il fatturato è calato del 18% a €5 miliardi.

Sull’andamento dei titoli telefonici stanno pesando anche i conti dell’operatore olandese KPN che ha registrato nel secondo trimestre 2001 perdite per €48 milioni, escluse le voci straordinarie, contro un utile di €68 milioni dello stesso periodo del 2000.

Il margine operativo lordo è salito a €929 milioni con un lieve incremento rispetto ai €910 milioni di un anno prima). Il dato è comunque oltre le attese comprese tra €885 e €909 milioni. L’indebitamento consolidato è passato a €22,8 miliardi dai €23,1 miliardi di fine marzo 2001.

Grosso incremento però per le perdite che nei primi 6 mesi sono passate a €1,04 miliardi dai €19 milioni di un anno prima.

Per il 2001 Kpn ha previsto “una perdita netta”,
ma ha riconfermato le stime di un rialzo del 5% del margine operativo lordo.