TLC: GOVERNO USA RIDUCE PREZZI INTERURBANE

1 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

Con una decisione a sorpresa la Federal Communications Commission (FCC), l’autorita’ di controllo Usa sulle telecomunicazioni, ha drasticamente ridotto le tariffe d’accesso alla rete locale da parte delle societa’ che forniscono i collegamenti su lunga distanza.

In pratica i fornitori di servizio interurbano dovranno pagare molto meno l’uso del network gestito dalle compagnie locali.

Lo sconto, pari a $3,2 miliardi, verra’ interamente girato alla clientela.

Il piano prevede l’eliminazione della tassa minima imposta ai clienti che utilizzano poco la teleselezione e inizialmente ridurra’ del 13% le imposte mensili dei consumatori, un taglio pari a $600 milioni.

Anche le bollette telefoniche verranno semplificate con il consolidamento di due tariffe in una, ma questa tassa di utenza, inizialmente di $4,35, verra’ aumentata a $5 l’anno prossimo e potrebbe salire a $6,5 nel 2003.
Verra’ poi introdotta una tassa di 33 centesimi che raccogliera’ $650 milioni per sussidi telefonici in aree ad alto costo.