TISCALI-S.PAOLO IMI, IPOTESI AZIONI + OPZIONI

15 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

L’accordo tra Tiscali e San Paolo-Imi dovrebbe prevedere oltre all’acquisizione da parte
della società di Renato Soru di una quota azionaria – intorno al 15% – della futura banca Internet (la San Paolo Invest-Imi Web) anche un sistema di opzioni sull’incremento di valore.

E’ stato lo stesso presidente di Tiscali a fornire qualche dettaglio sull’operazione, pur ribadendo di non voler fare commenti prima delle decisioni del Cda dell’Istituto guidato da Rainer Masera.

“Vedremo cosa decide il Consiglio di amministrazione di San Paolo – ha detto Soru – io
la disponibilità l’ho data”.

A chi gli ricordava che la legge bancaria fissa, comunque, un limite del 15% come quota di un istituto di credito che può acquisire una società, Soru ha confermato quanto aveva già detto: “Spero di piu”.

“Ci sono – ha spiegato – due aspetti: una variabile, è la partecipazione azionaria ordinaria, con i diritti di voto conseguenti e così via; un’altra è la condivisione di tutto
il valore che si crea. Ci dovrebbe essere un meccanismo di opzioni, secondo la normativa vigente, che potrebbe permetterci di crescere nel capitale sociale o di indicare altre società
che potrebbero partecipare, naturalmente al valore nominale”.

“Insomma dovrebbe esserci garantita – ha concluso – la creazione di valore per un importo maggiore del 15%”.