TIENE FIAT MENTRE I LISTINI CAMBIANO ROTTA

28 Gennaio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari si riposiziona e dopo un’ora di contrattazioni passa in negativo. Con Il Mibtel che alle 11 scivola a -0,49% e il Mib30 a -0,52%.

Tra le blue chip reggono le AEM anche se dopo l’exploit dell’apertura segnano alle 10,30 un +4,01% a 4,35 euro.

I telefonici rimangono in terreno positivo, ma con notevoli aggiustamenti per le prime immediate vendite. Tim, in apertura oltre il 6%, guadagna ora un +1,15%. Le notizie sui ricavi del ’99 della società per la telefonia cellullare – +21% con 14 mila miliardi di utile aveva fatto impennare infatti il titolo.

Telecom I. +1,44% a 16,76 euro. Tecnost invece perde l’1,19%. Mentre Olivetti si mantiene a +0,33%.

Sempre bene Fiat a +2,16%.

Tra le utilities Edison +2,51% a 8,56 euro; Enel +0,58%, ma ancora sotto i 4 euro. Montedison invece guadagna un +2,13%.

A +1,60% BNL, mentre gli altri bancari sono in calo. Perde anche UniCredito dopo i guadagni di ieri e Seat Pagine Gialle.

Tra gli altri titoli continua l’ascesa di Gemina, Gemina risp e HDP oltre un +10%.