TEXAS INSTRUMENTS DEBOLE PER MERRILL LYNCH

24 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Le recenti difficolta’ registrate da Texas Instrument (TXN) nel comparto dei prodotti per l’archiviazione dati possono condizionare i risultati trimestrali della societa’ attesi per questa sera alla chiusura dei mercati. Lo afferma un comunicato di Merrill Lynch diffuso questa mattina.

La banca d’investimento sostiene infatti che i progressi registrati dalla societa’ nel settore dei microprocessori dedicati – Texas Instruments e’ leader nel settore prima ancora di Intel (INTC) e Analog Devices (ADI) – non hanno rappresentato, almeno per il trimestre appena concluso, un fattore decisivo per i dati di bilancio.

La banca d’investimento, che per il secondo trimestre si attende per Texas Instrument un utile netto di $500, pari a 29 centesimi per azione, non ha ritoccato le stime per l’intero anno 2000 che rimangono a $1,25 miliardi per quanto riguarda gli utili e a $11,55 per il fatturato.

La sfida principale per il trimestre sara’ la ristrutturazione della divisione specializzata nei prodotti per l’archiviazione dati che sembra destinata a registrare un calo delle vendite tra il 7 e il 10%. La societa’, proprio in questo settore sta perdendo una grossa quota di mercato a favore delle concorrenti Marvell (MRVL) e STMicroelectronics (STM).

Merrill Lynch lascia invariati i rating per il medio e lungo termine a “Buy”.