Tesla: sondaggio Twitter la manda a picco. Il fratello di Musk aveva venduto prima

10 Novembre 2021, di Mariangela Tessa

Elon Musk paga a caro prezzo la decisione di lanciare un sondaggio tra i suoi follower, chiedendo il placet sulla vendita del 10% di Tesla nelle sue mani. Sondaggio che ha dato risposta positiva.

Il risultato? Un vero e propio terremoto in Borsa. Ieri, martedì 9 novembre, Tesla è arretrato a 1.023 dollari da 1.173 in una sola seduta (-12%) e in due sedute ha perso quasi 200 miliardi di dollari di valore, di cui 50 miliardi erose direttamente dalle tasche di Musk. Da inizio anno, il titolo ha segnato un aumento del 40%.

Il sondaggio rientrava nel dibattito sulla tassazione degli americani piu’ ricchi: Musk ha infatti sottolineato, in un post su Twitter, che non riceve un salario in contanti e nemmeno bonus, quindi “l’unico modo per pagare tasse in modo individuale e’ vendere azioni”.

La plusvalenza virtuale di cui gode per il forte rialzo del valore del titolo di Tesla (+175% in un anno) dovrebbe, per una parte del partito democratico statunitense, essere tassata.

Kimbal Musk ha venduto azioni Tesla il giorno prima del sondaggio

A complicare la vicenda, la notizia che il fratello del fondatore di Tesla, Kimbal Musk, avrebbe venduto azioni del gruppo autombilistico il giorno prima del sondaggio.

Dai documenti consegnati alla Securities and Exchange Commission (Sec), si evince che Kimbal, che siede nel consiglio di amministrazione di Tesla, avrebbe guadagnato quasi 110 milioni di dollari dopo aver esercitato l’opzione per l’acquisto di 25.000 azioni di Tesla a 74,17 dollari e averle immediatamente rivendute in tranche per 1.223-1.236 dollari, prezzo vicino al record di 1.243 dollari, recentemente raggiunto, poco prima che il fratello aprisse il sondaggio, lo scorso fine settimana. Kimbal Musk

Ciliegina sulla torta, sempre ieri, è arrivato l’affondo dell’investitore Michael Burry, che in un tweet, poi cancellato, ha accusato Elon Musk di voler vendere azioni per coprire i debiti personali, contratti usando le sue azioni Tesla.