Tesla avvia il taglio del personale. Rallentano le assunzioni delle società tecnologiche

16 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

All’inizio di questo mese, l’amministratore delegato miliardario di Tesla, Elon Musk, ha affermato che la società avrebbe tagliato il 10% del personale poiché aveva una “pessima sensazione” sul futuro dell’economia, aggiungendo che “a causa dell’inflazione dilagante anche i costi di vendita dei prodotti aumenteranno”.

Il taglio dei dipendenti è stato avviato. Lo dimostrano i loro post su LinkedIn. Il responsabile dell’animazione CGI, che ha lavorato in azienda per sei anni e mezzo, ha scritto: “Sono rattristato di andare”, aggiungendo: “Mi è davvero piaciuto il mio lavoro e sono orgoglioso di ciò che ho fatto”.

Secondo i dati depositati alla SEC, Tesla alla fine dello scorso anno impiegava quasi 100.000 persone. Ciò significa che migliaia di posti di lavoro potrebbero essere a rischio. La società di veicoli elettrici ha anche annullato tre campagne di assunzione in Cina previste per questo mese.

Non solo Tesla: anche altri colossi tecnologici rallentano le assunzioni

Ma i dipendenti di Tesla non sono gli unici a tremare. Le aziende del settore tecnologico, molte delle quali sono cresciute in modo significativo durante le prime fasi della pandemia, stanno riducendo la crescita del personale, mentre incombono l’incertezza economica e il rischio di recessione. Sebbene la crescita dell’occupazione sia rimasta forte, negli ultimi mesi ci sono stati diversi rallentamenti delle assunzioni di alto profilo e tagli del personale nel settore tecnologico. Basti ricordare i licenziamenti presso Coinbase e le assunzioni ridotte da parte di Meta.

Le prospettive economiche rimangono poco chiare, spingendo alcune aziende a rallentare le assunzioni di personale. All’inizio di questa settimana, l’ S&P 500 è caduto in territorio di mercato ribassista: le azioni sono scese di almeno il 20% al di sotto dei massimi recenti e la Federal Reserve mercoledì ha annunciato un aumento di 75 punti base dei tassi di interesse per alleviare l’aumento dell’inflazione.

Spotify sta rallentando le assunzioni del 25%, ha dichiarato mercoledì il CEO Daniel Ek in un’e-mail ai dipendenti. Il CFO Paul Vogel ha affermato:

“Siamo chiaramente consapevoli della crescente incertezza riguardo all’economia globale. E anche se non abbiamo ancora visto alcun impatto materiale sulla nostra attività, stiamo tenendo d’occhio la situazione e stiamo valutando la crescita del nostro personale nel breve termine”.

L’exchange di criptovalute Coinbase ha affermato che sta licenziando circa il 18% della sua forza lavoro, adducendo una possibile recessione economica. “Pare che stiamo entrando in una recessione“, ha scritto il CEO Brian Armstrong in un messaggio ai dipendenti. “Una recessione potrebbe portare a un ulteriore crollo del mercato delle criptovalute, che potrebbe durare per un lungo periodo.”

Armstrong ha anche affermato che la società è cresciuta troppo rapidamente durante il mercato rialzista. In precedenza Coinbase aveva solo annunciato il blocco delle assunzioni per il prossimo futuro.

Il mese scorso, Netflix ha confermato che avrebbe tagliato circa 150 posti di lavoro su un totale di 11.000 dipendenti, in uno sforzo per ridurre i costi in un contesto di rallentamento della crescita dei ricavi.

“Questi cambiamenti sono guidati principalmente dalle esigenze aziendali piuttosto che dalle prestazioni individuali, il che li rende particolarmente difficili poiché nessuno di noi vuole dire addio ai propri colleghi”, ha affermato un dirigente della società.