TELECOM ITALIA VERSA LACRIME AMARE SU TIN-SEAT

22 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Rischia di dare molti dispiaceri a Telecom Italia la fusione, annunciata a suon di fanfare, tra TIN e Seat Pagine Gialle; secondo il Wall Street Journal di oggi l’ex monopolio telefonico di Stato si trova ora con $14,6 miliardi di debiti imprevisti e una montagna di azioni di cui non sa esattamente che fare.

Poiche’ Telecom Italia si trova a controllare la societa’ che nasce dalla fusione tra le due aziende, la legge italiana impone di lanciare una offerta pubblica di acquisto (OPA) per il 70,1% di azioni Seat PG che Telecom non possiede ancora.

Il titolo, sull’annuncio dell’operazione, e’ rimbalzato da 4,20 a 7,30 euro, ma Telecom ha dichiarato che non intende distaccarsi da prezzo iniziale.

“L’ex monopolio di Stato non approvera’ nessun pagamento fino a che l’operazione non verra’ approvata dall’autorita’ italiana per la concorrenza”, dicono fonti vicine alla societa’.

Attualmente Seat e’ a mezzo euro sotto l’offerta.