TASSI: LA BCE DECIDE DI LASCIARLI INVARIATI

30 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

La Banca centrale europea ha deciso di lasciare invariati al 4,75% i tassi di interesse della zona euro.

E’ ciò che si aspettavano gli analisti che ora spiegano come a favore della decisione di oggi giochi il rallentamento dell’economia di Eurolandia. Altre indicazioni arriveranno la prossima settimana; in particolare quella sul prodotto interno lordo in Germania che ha l’economia più potente tra gli undici paesi aderenti alla moneta unica.

La Bce ha dunque scelto di attendere, nonostante la pressione crescente dell’inflazione che dovrebbe essere più alta a novembre rispetto ai valori di ottobre.

“Al netto dell’inflazione importata per il rialzo del prezzo del petrolio – osserva tuttavia un analista – l’inflazione endogena è ancora bassa, e resterà tale almeno fino alla fine del prossimo trimestre”.