TASSA ALLE BANCHE USA: COINVOLTI 50 ISTITUTI

14 Gennaio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Fino a ben 50 istituti finanziari americani con asset superiori a $50 miliardi ciascuno saranno colpiti dall’imposta che il presidente Barack Obama annuncera’ oggi e che ha l’obiettivo di aiutare a recuperare i soldi investiti nel piano di salvataggio del sistema finanziario e ridurre il deficit fiscale che pesa sul bilancio federale.

La tassa si basera’ sulle passivita’ delle banche e sara’ imposta a cominciare dal 30 giugno su societa’ come Citigroup, American International Group e Bank of America.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

L’amministrazione, secondo quanto riferito al Wall Street Journal da un funzionario governativo che ha chiesto di restare anonimo, stima che riuscira’ a raccogliere $90 miliardi nel giro di massimo 10 anni. L’annuncio ufficiale dovrebbe arrivare in giornata, alle 17.50 italiane.

—————————————————————————————–

Usa/ Obama: rivogliamo soldi dalle banche, e ce li riprenderemo

Bonus “osceni”,tasse a banche per recupero fondi soccorso finanza

New York, 14 gen. (Apcom) – “Rivogliamo i nostri soldi, e ce li riprenderemo”. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama è stato molto chiaro su come il governo interpreti il suo credito nei confronti di Wall Street.

E, parlando da Washington, ha annunciato oggi un piano di tassazione per grandi banche, compagnie di assicurazione e società di brokeraggio con l’obiettivo di recuperare “ogni singolo centesimo” speso dagli americani in aiuto del sistema finanziario.

Il piano ha l’obiettivo di recuperare 117 miliardi di dollari nei prossimi 12 anni, e “solo le grandi banche saranno tassate”, ha detto Obama. In particolare si tratta di quelle con oltre 50 miliardi di dollari di attività. Il presidente ha detto che i “bonus osceni” che gli istituti si apprestano a distribuire ai dipendenti rafforzano la sua convinzione nel piano.

—————————————————————————————–

Usa: banche in rivolta contro la tassa di Obama

Presidente Usa propone, paghi chi responsabile di crisi

(ANSA) – NEW YORK, 14 gen – Le grandi banche Usa hanno deciso di passare all’attacco contro la proposta di tassa di responsabilita’ per la crisi,annunciata da Obama.

Secondo il quotidiano online The Politico gli istituti finanziari sostengono che la tassa avra’ effetti negativi sull’economia costando fino a 1.000 miliardi di dollari in prestiti perduti.

Un banchiere ha spiegato al quotidiano che ‘il denaro raccolto dall’erario verra’ tolto al sistema bancario ed ogni dollaro di capitale ne genera 10 in prestiti’.