tag Aberdeen Standard Investments

Tutti gli articoli

Aberdeen Standard: nessun obiettivo di crescita per la Cina, decisione sensata

Per la prima volta, la Cina non fissa l’obiettivo di crescita del PIL a causa della grande incertezza provocata dalla pandemia COVID-19. Gli obiettivi di crescita in un contesto senza precedenti come questo non hanno molto senso sottolinea Kenneth Akintewe, Head of Asian Sovereign Debt di Aberdeen Standard Investments.  Più significativo è lo spostamento dell’attenzione da

Aberdeen Standard Investments: “Congresso e Fed rischiano di restare indietro”

“La pressione politica che deriva da questo livello di disoccupazione non può essere sottovalutata. La Fed ha cercato di neutralizzare questo dato annunciando altri 2,3 trilioni di dollari in aiuti, ma non c’è modo di sfuggire al fatto che la portata del problema non è pari a quella della risposta fiscale e monetaria. Il pericolo in

Aberdeen Standard Investments: pacchetto di stimolo USA non eviterà la recessione

Enorme il pacchetto di stimoli che ha deciso gli Stati Uniti, ma non può evitare la recessione in arrivo. Così James McCann, senior global economist di Aberdeen Standard Investments auspicando che il maxi piano funzioni da firewall per rallentare la diffusione di questa crisi nell’economia ed evitare che si impadronisca del sistema finanziario. Se i

Hard Brexit: probabilità schizzano al 60%

Martin Gilbert presidente di Aberdeen Standard Investments afferma che al momento c’è un’alta probabilità di un hard Brexit.

La Cina rallenta ma non c’è crisi

Economia Cina in rallentamento ma niente crisi secondo Donald Amstad di Aberdeen Standard Investiments, intervistato da Wall Street Italia.

Aberdeen Standard porta le sue idee di investimento in tour

Debutterà il prossimo 17 ottobre il nuovo roadshow di Aberdeen Standard Investments, con prima tappa a Bari. Successivamente verranno toccate altre undici località italiane.

Investimenti: cercare il rendimento nei mercati meno liquidi

In futuro i rendimenti più interessanti saranno quelli derivanti da attività tradizionalmente meno liquide, come le infrastrutture e i mercati privati