T-Voice: cosa pensano gli italiani delle pensioni

29 Settembre 2020, di Redazione Wall Street Italia

T-Voice: cosa pensano gli italiani delle pensioni

Wall Street Italia, in collaborazione con T-Voice ha cercato di capire cosa pensano gli italiani delle pensioni e della previdenza.

T-Voice si occupa di opinion mining, sentiment analysis e topic discovery e sfrutta algoritmi di artificial intelligence supervisionati con l’obiettivo di offrire una panoramica precisa di opinioni e sentimenti condivisi tramite web e social network.
Le analisi sono state condotte su più di 27.000 testi in lingua italiana riguardanti il tema “previdenza sociale” presenti nel web e sui principali social network per il periodo che va dal 1 al 27 Settembre. Tutti i risultati sono presentati al netto degli “off-topic”, ovvero senza considerare quei testi che non contengono il tema di interesse.

Il sentiment sul web degli italiani e le pensioni

L’ascolto del web mostra come il sentiment sia particolarmente negativo (65%). Ciò evidenzia la generalizzata percezione negativa che gli italiani hanno nei confronti del tema pensione e di come questa tematica importante è stata affrontata nel tempo dal decisore pubblico. Solo il 24% dei cittadini ritiene che l’attuale sistema pensionistico sia adeguato e rispecchi le esigenze degli italiani.

Incertezza nel futuro

L’incertezza è la dimensione fondamentale che meglio rappresenta l’opinione degli italiani in merito al tema della previdenza sociale. Vi è incertezza sulle riforme da attuare a livello centrale e i continui cambi di rotta dei governi non aiutano a stabilizzare la situazione sia per coloro i quali sono ormai prossimi alla pensione, sia per i pensionati stessi.
Infine, molto forte è l’incertezza di più lungo termine dei giovani lavoratori italiani che faticano a vedere una rosea situazione di fine carriera.

A tal proposito, dal web si evince proprio questa grande incertezza verso il tema pensione: a livello aggregato durante il mese di settembre il 56% degli italiani ritiene il futuro pensionistico essere molto incerto e il 39% invece pensa che sia abbastanza incerto.

La misurazione dell’incertezza, inoltre, è stata effettuata tramite un Web Opinion Index (WOI) specifico. Tale indicatore varia tra -100 e 100 e lo 0 identifica il valore soglia: valori positivi indicano un elevato livello di incertezza, mentre valori negativi mostrano una percezione meno incerta.

L’indice mostra come il livello di incertezza sia sempre molto alto (molto maggiore di 0) durante tutto il periodo e con un valore medio di 51 punti.

Forme pensionistiche alternative?

Vista la grande insicurezza rispetto al possibilità di ricevere una pensione adeguata in futuro, sempre più italiani vedono positivamente l’utilizzo di forme pensionistiche private che garantiscono un’assistenza futura.
Infatti, dall’analisi del web è emerso che oltre il 68% degli italiani ritiene saggio attivare, o ha già attivato, forme pensionistiche alternative private. Il 31% invece sostiene di appoggiarsi ancora unicamente al sistema di previdenza sociale pubblico.

 

Segui tutti gli articoli di Wall Street Italia sul tema delle pensioni al seguente link (clicca qui).