Stipendi impiegati in banca costano milioni ai contribuenti

6 Dicembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Quasi un terzo del mezzo milione dei dipendenti peggio pagati presso le banche americane fa affidamento a un qualche tipo di assitenza statale.

Da un nuovo report redatto da un gruppo di ricercatori emerge che i contribuenti versano ogni anno quasi 900 milioni di dollari per gonfiare gli stipendi degli operatori degli sportelli bancari.

Il piano, si legge in uno studio della Università californiana di Berkeley, equivale di fatto a un sussidio statale per gli impiegati di banche multi miliardarie.

Chi lavora allo sportello e a contatto con la gente riceve 105 milioni di dollari in ‘food stamps’ (i buoni pasto speciali per chi è in condizione di indigenza), $250 milioni some credito fiscale sul reddito e $534 milioni dai programmi di assicurazione sanitaria per bambini e Medicaid.