STATI UNITI, PROVE TECNICHE DI RIPRESA DELL’ECONOMIA

5 Agosto 2009, di Redazione Wall Street Italia
*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

WSI) – Tassi di interesse: in area Euro i tassi di mercato governativi sono saliti sulla parte a breve della curva, mentre sono rimasti stabili sul tratto decennale comportando un calo dello spread 2-10 anni da 200 a 195pb. Il rialzo sulla parte a breve si è verificato in seguito al dato immobiliare Usa migliore delle attese a giugno.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Sul fronte macro i prezzi alla produzione di giugno hanno mostrato il maggior calo di sempre su base tendenziale (-6,6%). Oggi sono previste le vendite al dettaglio relative all’area Euro di giugno che potrebbero risultare peggiori delle attese in seguito ai deludenti dati già usciti in Germania. Sul fronte emissioni governative segnaliamo la calda accoglienza ricevuta dai bond austriaci con scadenza 2014 che hanno ricevuto richieste pari a 3,13 volte la quantità offerta (825Mln€).

Sono stati venduti anche 825Mln€ di bond con scadenza 2021 con un bid-to-cover di 1,96 circa. Nel frattempo continua l’entusiasmo tra gli operatori per le emissioni corporate come segnalato da un articolo di Bloomberg News basato sugli indici di Merrill Lynch, secondo il quale le emissioni corporate in Europa nei primi 7 mesi del 2009 hanno raggiunto il nuovo record storico di 1.100 Mld$ battendo quello ottenuto nell’intero 2007. Nel frattempo continuano ad essere elevati i depositi overnight presso Bce, ieri pari a circa 227 Mld€. Per oggi sul decennale governativo tedesco il supporto si colloca al 3,25%, la resistenza al 3,40%.

Negli Usa tassi di mercato in rialzo sulla scia della conferma in chiusura di quota 1000 in termini di indice S&P500. I dati sui contratti preliminari di acquisto di nuove case di giugno hanno evidenziato un recupero per il quinto mese consecutivo, supportando l’ipotesi di superamento della fase più critica della crisi. Il dato sui redditi e consumi delle famiglie di giugno, è stato invece inficiato dal forte ridimensionamento dell’impatto dei pagamenti una tantum previsti dal piano Obama, generando un calo del reddito dell’1,3% rispetto al mese precedente.

Gli operatori son già proiettati nel trimestre in corso, dove le aspettative sono per un recupero dei consumi grazie anche a manovre a rapido effetto come quella della rottamazione di auto, per la quale è previsto il via libera del Senato già entro questa settimana. Il conseguente impatto sul Pil, ha indotto diversi economisti a rivedere al rialzo le stime sul Pil per il trimestre in corso che ora si stanno attestando dal 2% in su in termini annualizzati, secondo quanto riportato dal Wsj. Oggi l’attenzione sarà sull’indice Ism non manifatturiero di luglio, per verificare se e quanto si avvicinerà alla importante quota dei 50 punti. Resistenza a 3,70% sul decennale.

Valute: Il Dollaro ha ieri confermato la tenuta della resistenza a quota 1,4450, importante prima di ipotizzare una progressione fino a verso area 1,46. Nel breve primo supporto in area 1,43. Yen in apprezzamento nel corso della notte sulla scia del ribasso dei listini azionari asiatici. Verso Euro l’area di resistenza più vicina si colloca in prossimità di 137,70-138, il supporto a 136,05.

Materie Prime: lieve calo per il greggio Wti (-0,2%) dopo i recenti rialzi. L’Iea ieri ha dichiarato che l’economia mondiale non può sostenere un’ulteriore salita del prezzo del greggio e che valori oltre 70$ potrebbero danneggiare la ripresa mondiale. Oggi sono attesi i consueti dati settimanali sulle scorte Usa. Segnaliamo inoltre che è in discussione presso il Cftc la possibilità di limitare il ruolo degli speculatori all’interno dei mercati dell’energia (in particolare greggio e gas naturale).

Oggi si terranno una serie di audizioni presso la commissione con l’intervento di alcuni gestori di hedge fund che esprimeranno le loro opinioni a riguardo. Al Lme lieve rialzo per i metalli industriali ad eccezione del piombo (-1,5%). Positivi i metalli preziosi guidati dall’argento (+3,1%). In calo gli agricoli, anche se spicca il proseguimento della fase rialzista dello zucchero (+1,1% ai massimi da 3 anni a New York) a causa delle minori piogge in India che potrebbero danneggiare il raccolto. Ancora in calo i suini (-1,8%).

Copyright © Servizio Market Strategy MPS Capital Services per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved