Stati Uniti: per Pimco 1 possibilita’ su 2 di una recessione nel 2012

22 Novembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Dopo il fallimento dell’intesa sulla riduzione del deficit e la revisione al ribasso delle cifre sul Pil del terzo trimestre, negli Stati Uniti il rischio di cadere in una fase di decrescita arriva fino al 50%. Lo sostiene Mohamed El-Erian, coamministratore delegato di Pimco, il maggiore fondo obbligazionario al mondo.

“Abbiamo assoluto bisogno di un catalizzatore che riesca a far trovare un punto di incontro tra le due parti in causa, che faccia fare un passo in avanti ai colloqui. Abbiamo bisogno di procedere, non possiamo restare fermi”.

“Se non ci sbrighiamo, la nostra economia diventera’ piu’ fragile e il funzionamento dei mercati sara’ sempre piu’ problematico”.

“La cosa giusta da fare per gli investitori e’ restare sulla difensiva in generale ed essere offensivi solo selettivamente”.

Il problema americano e’ piu’ piccolo di quello dell’Europa, che deve fare i conti sia con una questione politica sia con una strutturale.