Starbucks lancerà degli NFT, a cosa serviranno

5 Maggio 2022, di Gianmarco Carriol

Starbucks questa settimana ha annunciato i suoi piani per entrare nello spazio Web3 con il lancio della propria collezione NFT entro la fine dell’anno in cui i singoli oggetti da collezione forniranno anche ai loro proprietari l’accesso a esperienze di contenuto esclusive e altri vantaggi, ha affermato.

La società ha reso noto i suoi piani agli investitori spiegando come gli NFT possono aiutare Starbucks a estendere il suo marchio, ovvero un luogo tra casa e lavoro dove le persone possono provare un senso di appartenenza davanti ad un caffè.

“Le tecnologie emergenti associate al Web3, e in particolare agli NFT, ora consentono questa aspirazione” ha detto Brady Brewer agli investitori durante la presentazione dei conti trimestrali. “Stiamo creando il terzo posto digitale. Per raggiungere questo obiettivo, allargheremo il nostro quadro di ciò che significa per le persone essere membri della comunità di Starbucks, aggiungendo nuovi concetti come la proprietà e i modelli di appartenenza basati sulla comunità che vediamo svilupparsi nel Web3″, ha aggiunto.

La società ha affermato che costruirà la sua comunità NFT su una piattaforma Web3 “sostenibile dal punto di vista ambientale”, una decisione che sarebbe più in linea con i suoi impegni di sostenibilità esistenti. La società non ha tuttavia indicato quale tipo di tecnologia blockchain è stata coinvolta nelle sue raccolte NFT, ma ha affermato che è probabile che sia “multichain” o “chain agnostic”.

Starbucks è stata chiara sui dettagli su come sarà il suo set di debutto di NFT, chi li progetterà o che tipo di funzionalità di abbonamento saranno fornite, l’azienda vede il potenziale per creare un’attività di accrescimento adiacente ai suoi negozi in cui gli oggetti da collezione digitali non vengono solo acquistati e venduti in modo speculativo, ma in realtà fungono anche da pass di accesso che offrono ai clienti esperienze e vantaggi speciali.

“Abbiamo in programma di iniziare con la nostra prima collezione NFT entro la fine dell’anno, basata sull’arte del caffè e sulla narrazione. Arriverà con una serie di esperienze e vantaggi unici, degni di una raccolta NFT della genesi di Starbucks”, si legge nel post. Questa raccolta servirebbe quindi come spina dorsale per costruire collezioni e collaborazioni future nella comunità Web3, ha affermato la società.

Starbucks pronta a sperimentare gli NFT

Mentre alcune aziende si lanciano negli NFT senza pensare a come la tecnologia si possa adattare ai loro piani aziendali, Starbucks sembra tentare un approccio diverso. È stato coinvolto Adam Brotman, l’architetto del suo sistema Mobile Order & Pay e dell’app Starbucks, per aiutare alla realizzazione del progetto.

Non sorprende che Starbucks sia disposto a sperimentare nello spazio NFT dato che l’azienda Usa si è fatta un nome per essere all’avanguardia quando si tratta di abbracciare le nuove tecnologie.

Il suo sistema di pagamento mobile, ad esempio, ha aiutato a sperimentare l’idea di utilizzare un telefono per pagare gli ordini ben prima che Apple Pay e altre esperienze di pagamento tap-to-pay basate su NFC fossero disponibili. Oggi, Mobile Order & Pay è un business di oltre 4 miliardi di dollari, ha affermato Starbucks, in crescita del 400% in cinque anni e del 20% rispetto allo scorso anno. Starbucks ha affermato che ora sta lavorando per implementare la mancia digitale avanzata in modo che i clienti possano dare la mancia anche quando non pagano con la loro carta Starbucks.

Il colosso del caffè ha superato le aspettative di fatturato nel secondo trimestre con ricavi per $7,64 miliardi contro i $ 7,6 miliardi previsti e un utile per azione di 59 centesimi rettificato, in linea con le aspettative, nonostante le perdite in Cina dovute ai nuovi blocchi Covid.

La società non ha offerto una previsione per i trimestri a venire, citando diversi fattori tra cui Cina, inflazione e investimenti in negozi e dipendenti.