Sprechi Rai: buco di 400 milioni. A Fazio 5,5 milioni di euro

19 Febbraio 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il bilancio della RAI al 31 dicembre 2012 si è chiuso con una perdita di 250 milioni di euro. Il bilancio del 2013 dovrebbe chiudersi con una perdita che sfiora i 400 milioni di euro. La Corte dei Conti ha presentato la relazione sulla Rai a febbraio 2014. Per il festival di Sanremo in tre edizioni (2010/2011/2012) la Rai ha perso circa 20 milioni di euro. Sanremo ha avuto un saldo negativo di 7,8 milioni di euro nel 2010, 7,5 per il 2011, 4,8 per il 2012.

La Corte dei Conti scrive: “in sintesi l’andamento dei costi, risulta ancora nettamente superiore ai ricavi pubblicitari con negativi riflessi sul Mol (margine operativo lordo) aziendale; è necessario pertanto che vengano adottate adeguate iniziative volte a conseguire una più significativa razionalizzazione dei costi”. Fabio Fazio prende circa 5,5 milioni di euro per 3 anni. Per Sanremo percepisce circa 600 mila euro lordi l’anno. Perché Sanremo è Sanremo.

Copyright © Il Blog di Beppe Grillo. All rights reserved

“Ho chiesto al direttore generale della Rai se corrisponde al vero la notizia riguardo l’assunzione di un nuovo manager esterno all’azienda”. Lo dichiara Silvia Velo, vicepresidente del gruppo Pd alla Camera e componente della commissione di Vigilanza Rai, che ha presentato una interrogazione parlamentare. Il riferimento e’ alle voci sull’assunzione alle dipendenze del direttore allo Sviluppo strategico, Carlo Nardello, di Ambrogio Michetti, analista della McKinsey.

“Vorremmo capire con chiarezza – prosegue Velo – quali siano stati i criteri di selezione del dirigente e conoscere i motivi alla base dell’assunzione a tempo indeterminato con la retribuzione massima di 160 mila euro annui, prevista per le figure manageriali. Alla vigilia del nuovo contratto di servizio in cui si prevede un’inevitabile spending review, appare infatti assai discutibile la scelta di non valorizzare le preziose risorse interne del servizio pubblico”. (ANSA)