Spagna: economisti vergognosi. Pil spiazza, battendo ogni previsione

26 Febbraio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La Spagna stupisce tutti in positivo, superando di gran lunga tutte le previsioni sulla crescita 2014. Nessuno, tra think tank, organizzazioni internazionali, e lo stesso governo di Madrid aveva previsto che l’economia spagnola avrebbe chiuso il 2014 con una crescita del Pil dell’1,4%.

I più ottimisti, ovvero gli economisti del CEE, l’Università Rey Juan Carlos, erano arrivati a prevedere un aumento della crescita dell’1,1%. Ma la media si attendeva un aumento limitato al +0,7%, esattamente la metà di quanto poi si è rivelata essere la crescita. C’erano poi punte particolarmente pessimistiche, come l’Economist che prevedeva una crescita dello 0,1% e l’Fmi che stimava un aumento pari a zero.

Con il dato 2014 la Spagna sembra essersi dunque lasciata alle spalle quasi sei anni di fila di recessione. Guardando al nuovo anno, il premier Mariano Rajoy, particolarmente cauto l’anno passato (aveva previsto una crescita dello 0,5%), due giorni fa ha detto “Pensiamo che l’economia spagnola crescerà del 2,4% nel 2015 ma la realtà potrebbe anche superare le aspettative”. (mt)