SOROS PUNTA SULLE BLUE CHIP DEI COMPUTER

18 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

George Soros, il leggendario finanziere di origine ungherese, ha aumentato le posizioni del Soros Fund Management nelle blue chip dei computer, limitando invece quelle delle telecomunicazioni.

Per il primo trimestre di quest’anno, Soros ha accresciuto gli investimenti in Microsoft (MSFT), Oracle (ORCL), America Online (AOL), Compaq (CPQ) e Dell (DELL), mentre ha ridotto quelli in Nextel Communications (NXTL), Qualcomm (QCOM), Sun Microsystems (SUNW) e DoubleClick (DCLK).

Nel trimestre considerato il valore degli investimenti del Soros Fund hanno perso oltre il 3% passando da $8,62 miliardi a $8,34 miliardi e il finanziere sta cercando di raccogliere liquidita’ poiche’ il 14% delle partecipazioni e’ valutato al di sotto di $1 milione.

Gli acquisti piu’ consistenti: 1 milione di titoli di Home Depot (HD), oltre 855 mila azioni Donaldson, Lufkin & Jenrette (DLJ) e 500 mila titoli Goldman Sachs (GS).

Soros ha invece liquidato Reynold Metals (RLM), UAL Corp. (UAL) e Wells Fargo (WFC).