Sondaggi: effetto primarie sul PD, sale oltre il 34%

28 Novembre 2012, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Il sondaggio Ipsos realizzato per Ballarò ha rilevato le intenzioni di voto degli italiani. Tra i partiti il primo rimane il Pd che forte della visibilità acquisita con le primarie guadagna l’1,9% e arriva al 34,1%.

Di contro il Movimento 5 Stelle subisce un visibile calo di 2,2% punti percentuali, rimanendo comunque secondo partito con il 18,4%. In calo anche il Pdl che perde in una settimana l’1%.

Tra gli altri partiti registra una leggera crescita Sel al 6,6% (+0,2%), e anche l’Udc sale dello 0,4%, (6,2%). L’Idv, contrariamente a quanto registrato dagli altri istituti di ricerca, rimane più o meno stabile e anzi guadagna lo 0,1% (3,1%).

BALLOTTAGGIO PRIMARIE CENTROSINISTRA

A quattro giorni dall’ultima sfida delle primarie del centrosinistra gli esperti rivelano che tra il segretario Pd e il sindaco di Firenze c’è un distacco di 15 punti.

E’ quanto emerge dai primi sondaggi sulle intenzioni di voto degli elettori del centrosinistra al ballottaggio di domenica prossima per la scelta del candidato leader della coalizione alle prossime elezioni politiche.
[ARTICLEIMAGE]
La media dei dati diffusi dai principali istituti di ricerca negli ultimi giorni stima il segretario del Partito Democratico al 57,5% contro il 42,5% del sindaco di Firenze. Il divario più ampio (24,2 punti) tra i due contendenti lo fa registrare l’istituto Ipsos, che agli elettori del centrosinistra ha chiesto chi vorrebbero vincesse la sfida. Ha risposto Bersani il 59% del campione intervistato (sondaggio pubbblicato ieri nel corso della trasmissione di Raitre Ballarò). Renzi si è fermato al 36%. Al netto degli indecisi (5%) il risultato del confronto diventa 62,1 a 37,9.

Sempre per quanto riguarda il secondo turno delle primarie del centrosinistra, il vincitore sarebbe Matteo Renzi per il 49% del totale degli elettori italiani.

Ma se la stessa domanda viene posta ai soli elettori del centrosinistra la vittoria è di bersani per il 59%. (Agenzie)