Sempre più musei si convertono agli NFT

22 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

Gli NFT hanno trasformato il mondo dell’arte per rendere i capolavori più accessibili agli ammiratori. Tuttavia, con la tokenizzazione di intere collezioni sorgono domande sul futuro della proprietà nei musei.

Musei, individui e iniziative del Metaverso hanno utilizzato i Non-fungible token (NFT) come un nuovo mezzo per reinventarsi davanti ai propri fan. La famiglia di Frida Kahlo ha svelato arte e manufatti personali dell’artista inediti in un evento esclusivo a Decentraland per la sua settimana d’arte ad agosto.

In Belgio, il Museo Reale di Belle Arti di Anversa è diventato il primo museo europeo a simbolizzare un capolavoro d’arte classica del valore di milioni di euro. Il Museo d’arte di Kharkiv in Ucraina ha lanciato una nuova collezione NFT con Binance per preservare il suo patrimonio culturale e raccogliere fondi durante la guerra in corso con la Russia.

Tuttavia, quando tutto diventa tokenizzato, sorgono domande. I musei in futuro saranno solo gigantesche gallerie NFT con ogni opera d’arte con una controparte digitale?

Hussein Hallak, fondatore e ceo di Momentable, una società al servizio dei musei per aiutare con l’integrazione NFT, ritiene che sia “inevitabile” per i musei trasformarsi alla fine in una gigantesca galleria NFT. In un’intervista alla testata Cointelegraph, ha dichiarato:

“Crediamo che tutto sarà un NFT, proprio come un numero di serie, per ogni prodotto ci sarà un NFT”.

Secondo Hallak, è solo una questione di tecnologia che diventa più facile da usare per diventare onnipresente. Per ora prevede che l’uso più comune di NFT da parte dei musei dovrebbe essere per la prova e il mantenimento degli oggetti nelle loro collezioni, in secondo luogo sarebbero le edizioni digitali accessibili al pubblico. “Gli NFT sono un’innovazione tecnologica integrale che i musei non possono permettersi di ignorare se vogliono entrare nel futuro”, afferma Hallak. “Ma devono far parte di una più ampia tabella di marcia strategica di modernizzazione”.

Alla domanda se la proprietà frazionaria diminuisca il valore dei preziosi cimeli fisici detenuti dai musei, Hallak dice che è una domanda giusta ma la risposta è no. L’arte diventa semplicemente più accessibile. Lo collega all’aumento di valore di una società privata che diventa pubblica:

“Rendere l’arte più accessibile attraverso la proprietà frazionata o le edizioni digitali limitate, molto probabilmente susciterà l’interesse, aumenterà l’apprezzamento dell’arte e dell’artista e alla fine ne aumenterà il valore”.

La proprietà che deriva dalla frazionamento è la chiave di Web3. È una delle caratteristiche distintive, che lo differenzia dall’internet conosciuto prima.

Hallak percepisce le NFT come uno strumento per supportare l’arte pubblica piuttosto che come un trasferimento di custodia.

“Con un modello NFT è più probabile finanziare un’esposizione pubblica di opere d’arte e manufatti creando diverse versioni digitali”.

Nel tempo, gli NFT diventeranno sempre più un’opportunità per i musei di capitalizzare le loro collezioni e le abilità curatoriali in un futuro digitalizzato, come si è visto con il suddetto museo in Belgio. Un recente studio ha stimato che il mercato NFT varrà quasi 231 miliardi di dollari entro il 2030.