SEI ITALIANI
TRA I MIGLIORI
MANAGER EUROPEI

15 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Un poker di manager italiani è salito sul podio della tradizionale classifica di Istitutional Investors, gruppo editoriale finanziario americano che, come l´Academy, ogni hanno seleziona gli amministratori delegati europei da Oscar nei vari comparti industriali promuovendo un maxi sondaggio tra i pricinpali investitori e analisti di tutto il mondo.

I settori di eccellenza in cui si è distinta l´Italia nel 2006 sono in ordine alfabetico le auto, le banche, il lusso e il petrolio. L´unica medaglia d´oro l´ha vinta però Alessandro Profumo, che è risultato il miglior manager di tutte le banche del Vecchio Continente, superando Peter Wuffli di Ubs, Baudoin Prot di Bnp Paribas e Corrado Passera di Intesa Sanpaolo che ha comunque conquistato un dignitosissimo quarto posto.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Perfino nel comparto automobilistico, Sergio Marchionne di Fiat si è dovuto accontentare di una medaglia d´argento dietro Carlos Ghosn di Renault e prima di Wendelin Wiedeking Manfred di Porsche. Ma Marchionne può consolarsi con il fatto che, dopo il rilancio del Lingotto, quanto a conquista di nuove quote di mercato ha poco da invidiare al colosso francese Renault. I manager italiani si sono inoltre distinti nel settore del lusso, dove il tricolore ha conquistato due delle prime quattro posizioni. Anche se il podio è andato a Bernard Arnault, presidente e primo azionista del colosso mondiale Lvmh, Francesco Trapani di Bulgari ha scalato tutte le posizioni conquistando il secondo posto e battendo il rivale Norbert Platt di Financiere Richmont.

Una bella conquista quella del gruppo di gioielli romano, che dall´alto dei suoi 3,4 miliardi di capitalizzazione ha superato il colosso di sempre dell´orologeria svizzera che in Borsa vale ben 26 miliardi. Ma anche Andrea Guerra, amministratore delegato di Luxottica non è stato da meno: solo dopo due anni alla guida del gruppo di occhiali, il manager è riuscito ad arrivare a un passo dal podio del lusso posizionandosi in quarta posizione.

Tuttavia il risultato probabilmente più egregio è quello di Paolo Scaroni dell´Eni, che è rimasto fuori dalle medaglie prendendo un quarto posto nel comparto del gas e del petrolio, ma ha risalito notevoli posizioni considerando che l´Italia deve fare i conti contro Paesi come l´Inghilterra, l´Olanda e la Francia che in questo settore sono da sempre regine d´Europa. E così nel comparto gas petrolio, il podio è andato a Frank Chapman di British Gas, l´argento a Thierry Desmarest di Total e il bronzo a John Browne di British Petroleum.

Ma la nomina di Browne sembra quasi un Oscar alla carriera per il manager che lo scorso marzo è stato costretto a dimettersi a causa di uno scandalo legato a motivi personali. E chissà che nel 2007 dopo aver sfilato la spagnola Endesa ai tedeschi di E.On, anche Fulvio Conti di Enel non riesca ad aggiudicarsi un posto nella classifica di Istitutional Investors.

Copyright © La Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved