Sei canadese? Devi chiudere il conto in banca

25 Aprile 2016, di Daniele Chicca

NEW YORK (WSI) – I soldi dei correntisti canadesi non sono più i benvenuti negli Stati Uniti. Per lo meno non presso le filiali della banca Scottrade.

La casa di brokeraggio americana ha fatto recapitare una lettera molto insolita ai cittadini canadesi, anche quelli residenti negli Stati Uniti, in cui si dice che le norme vigenti impediscono a Scottrade la possibilità di fare affari con i canadesi e lasciare loro aprire un conto.

“Gentile cliente,

i dati dei nostri conti correnti dicono che lei è un cittadino canadese. Le nostre analisi sotto il profilo commerciale e in materia di regolamentazione ci proibiscono di fare affari in futuro con i cittadini canadesi, anche quelli che risiedono temporaneamente o in pianta stabile negli Stati Uniti”, recita l’incipit del messaggio.

Una volta ricevuto il preavviso, ai clienti canadesi verrano dati 30 giorni di tempo per chiudere i conti correnti presso Scottrade. Da quel momento conti deposito e ordini di investimento in Borsa non verranno più accettati.

Ai clienti canadesi sarà concessa la possibilità di chiudere le proprie posizioni, trasferire il proprio conto corrente altrove e prelevare i fondi dai propri conti.

“Se sceglierà di trasferire il conto in un’altra società finanziaria, Scottrade si prende l’impegno di eliminare la commissione di 75 dollari” prevista in questi casi.