SEDICI MODI PER BATTERE IL NIKKEI

5 Settembre 2007, di Redazione Wall Street Italia

*Pierpaolo Scandurra è Managing Director di www.certificatiederivati.it. I suoi commenti non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

(WSI) –
Settimana di assestamento dopo il testa-coda del mese di agosto sui mercati finanziari mondiali. Le perdite del venerdì nero a cavallo di ferragosto, quasi ovunque superiori ai tre punti percentuali con punte di oltre sei punti di ribasso sul fronte asiatico (con il Nikkei 225 che è arrivato a perdere in un solo giorno 875 punti, pari ad un – 5,41%) sono state assorbite in buona parte grazie ad un “filotto” di sedute positive. Se dovessero raffreddarsi definitivamente i timori legati alle vicende dei mutui “facili”, le quotazioni raggiunte dall’indice nipponico potrebbero risultare interessanti, sia in ottica di breve che di lungo periodo; per chi volesse puntare sulla tenuta dei supporti e sul successivo recupero del Nikkei225, sul SeDeX di Borsa Italiana sono quotati oltre 20 certificati di investimento, strumenti di facile accesso e capaci di offrire diverse opzioni accessorie alla sola replica lineare dell’indice.

Tra i più richiesti anche quando i mercati erano fortemente improntati al rialzo ci sono gli Equity Protection, ovvero i certificati in grado di offrire una protezione parziale o totale del capitale:emessi dalla Deutsche Bank con una durata residua di poco superiore ai 3 anni, due distinti Equity Protection offrono , oltre alla protezione totale del capitale, anche un rendimento minimo grazie ad una quotazione ben al di sotto dei 100 euro nominali ( rispettivamente 94 e 95 euro). La categoria più rappresentata al SeDeX è però quella dei Twin Win, caratterizzati da una combinazione di opzioni di diversa natura dalla protezione del capitale, ma altrettanto efficaci per affrontare l’imprevedibilità dell’investimento azionario.

Ricordiamo che i Twin Win consentono di beneficiare a scadenza anche degli eventuali ribassi realizzati dall’indice, riconoscendo le performance realizzate prese in valore assoluto, con l’unica condizione che non venga mai violato un livello “barriera”( di norma posto tra il 60% e il 70% del livello di emissione). Al rialzo, in alcuni casi vengono offerti tassi di partecipazioni superiori al 100% per sfruttare al massimo l’eventuale crescita del sottostante. Scendendo nel dettaglio delle emissioni disponibili si trovano anche in questo caso certificati con un interessante profilo di rischio/rendimento dovuto in maggior parte alla quotazione, compresa tra gli 80 e i 92 euro, e con partecipazioni che arrivano fino al 125%.

E’ invece una novità, ed è proposto in collocamento fino al 13 settembre da Sal Oppenheim,il Cash Collect, unica tipologia di certificati che riconosce il guadagno sotto forma di cedola annua. Per i prossimi tre anni il certificato riconoscerà una cedola di 8,5 euro ( pari all’8,5% annuo sui 100 euro nominali) se ad ogni data di rilevazione annuale l’indice Nikkei sarà almeno pari all’80% del prezzo di riferimento iniziale che verrà rilevato il 14 settembre prossimo.Il valore nominale verrà invece rimborsato a scadenza sia che l’indice si trovi almeno al livello iniziale sia che si trovi al di sotto, a patto che durante i cinque anni non sia mai stato violato il livello di protezione posto al 60% del valore di partenza. Qualora ciò dovesse accadere, il rimborso avverrà in funzione del valore finale dell’indice. Al termine del collocamento verrà richiesta l’ammissione alla quotazione sul SeDex.

Ma è dalla combinazione di due o più certificati che può prendere forma un portafoglio capace di battere sempre e comunque il mercato di riferimento. Ipotizzando ad esempio l’acquisto di un Twin Win e di un Equity Protection ( nella misura rispettivamente del 20% e 80%) si avrà la certezza di ottenere a scadenza un rendimento sempre positivo, sia che il Nikkei faccia +60% ( guadagno fino al 75%) che -51% ( guadagno fino al 14%). Il tutto senza condizioni legate a barriere o altro. Naturalmente si potranno adottare diverse strategie sulla base delle aspettative future del mercato nipponico: aumentando l’esposizione sul Twin Win si riuscirà ad ottenere una leva quasi doppia sull’andamento positivo dell’indice.

Copyright © www.certificatiederivati.it per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved