SE TEHERAN RIDE, PYONGYANG PURE

10 Ottobre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
La Corea del nord ha fatto ieri mattina il suo test atomico, sotterraneo e ammantato dalla solita opacità, per poi irridere il mondo: “Fateci i complimenti”.

E’ un test “inaccettabile” secondo il presidente degli Stati Uniti, George W. Bush. E’ un test “imperdonabile”, secondo il neopremier giapponese, Shinzo Abe, ieri in Corea del sud dopo l’importante visita a Pechino. La Russia ha chiesto una “reazione immediata”, la Cina non ha nascosto la sua preoccupazione (irritata) e il Consiglio di sicurezza si è riunito d’urgenza per definire la strategia dopo il monito – caduto nel nulla – di venerdì.

Con INSIDER puoi guadagnare in un mese piu’ del tuo stipendio di un anno. Clicca sul
link INSIDER

Per l’Europa della porta sempre aperta al dialogo il confronto con l’Iran che corre verso la Bomba non va neppure accennato – così ha detto ieri il capo della diplomazia di Bruxelles, Javier Solana – ma è chiaro che l’assenza di muscoli internazionali sul dossier nucleare di Teheran ha fatto e fa eccitare il dittatore di Pyongyang.

Tanto che negli ultimi mesi Kim Jong Il ha cadenzato a ritmo perfetto – ha una passione per il balletto, del resto – i suoi annunci con l’altalena diplomatica dell’Iran: il suo culto della personalità gli impedisce di lasciare lo scettro del più cattivo a uno come Ahmadinejad; la sua fame di soldi gli impone di tenere alta la tensione con la comunità internazionale. La quale non può più farsi dettare i tempi e i modi della sua azione da quello o da quell’altro regime.

A questo serve il riavvicinamento voluto dal Giappone nei confronti di Seul e Pechino. A questo serve una strategia chiara e concertata sulla proliferazione nucleare, senza aspettare che il circolo dei “rogue states” si doti della Bomba.

Copyright © Il Foglio per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved