Schifani: “Se Berlusconi interdetto, Pdl lascia governo”

11 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Allo stato noi responsabilmente distinguiamo i piani: siamo leali e continuiamo a sostenere il governo” ma “dinanzi ad un epilogo finale che vedesse Berlusconi condannato e interdetto dai pubblici uffici, il quadro cambierebbe” perchè “un’ eventuale condanna di Berlusconi non potrebbe non avere riflessi sul governo”. Lo ha affermato il presidente dei senatori Pdl Renato Schifani in una intervista al Messaggero, sottolineando però che di questo con Berlusconi non si è ancora discusso ma “perchè rifiutiamo in radice l’ipotesi di condanna”.

Moavero: la tenuta del governo non è a rischio

La tenuta del Governo non e’ “a rischio”. Lo ha sottolineato il ministro per gli Affari Europei, Enzo Moavero Milanesi, a margine del East Forum 2013. “Non la vedo affatto a rischio”, ha risposto Moavero a chi gli chiedeva se le ultime vicende politiche collegate al processo Mediaset possano compromettere la solidita’ dell’esecutivo.

“Penso che segnali politici espliciti arrivino tutti nel senso di garantire la solidita’ del Governo”, ha aggiunto il ministro. Alla domanda se la prossima presidenza italiana del semestre europeo sarà guidata da Enrico Letta, Moavero ha risposto: “Assolutamente s^, questo e’ l’obiettivo al quale ci prepariamo”. (Rainews)