Schettino diventa costume Carnevale, tra risate e forti polemiche

22 Febbraio 2012, di Redazione Wall Street Italia

Napoli – Francesco Schettino, ex comandante della Costa Concordia, la nave affondata nei mari del Giglio, diventa ora anche un costume da Carnevale. Accade a Napoli, dove un bambino si è vestito da ufficiale, e si è placidamente seduto nel suo passeggino, decorato anch’esso “stile Costa Corcodia”. Presente anche un accessorio, ovvero un cartello con la celebre frase “Salga a bordo, c…”, parte della telefonata tra Schettino e Gregorio De Falco, capo della sezione operativa
della Capitaneria di Porto di Livorno.

Non si poteva non scattare una foto alla nostra maschera di Carnevole, prodotta dalla laboriosa fantasia tipica dei napoletani. E così è stato: l’immagine è stata ripresa da vari siti di social network, mentre chi si è trovato accanto al bambino non ha potuto fare a meno di fissare il suo travestimento.

Ma non potevano mancare le polemiche, e così è stato, soprattutto da parte dei Verdi ed ecologisti di Napoli. “Una scelta di pessimo gusto”, ha commentato il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. Più forte ancora la dichiarazione di Carlo Ceparano, presidente provinciale degli ecologisti di Napoli.

“Quest’anno – ha detto – il cattivo gusto e le scelte diseducative sono state protagoniste del Carnevale”. Ceparano ha poi ricordato “la scelta di far indossare sempre a ragazzini costumi da boss della camorra, killer dei Casalesi e guappi napoletani”. E ancora: “Inoltre sono pervenute molte segnalazioni di atti teppistici ad opera di baby gang che hanno lanciato uova, verdura e spray contro i passanti. I posti dove ci sono stati evidenziati la maggioranza dei casi sono i comuni di Castallammare, Torre Annunziata e Pozzuoli ed i quartieri di San Ferdinando, Barra, Marianella e Soccavo a Napoli”.