Scandalo intercettazioni Usa: la talpa è un ex Cia

10 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Si chiama Edward Snowden, ha 29 anni, ed e’ un ex contractor della Cia, la talpa che ha fatto avere al quotidiano britannico Guardian il materiale sul pervasivo sistema di sorveglianza della National Security Agency americana, facendo così esplodere quello che viene chiamato ormai “Datagate”. Lo ha raccontato lo stesso Snowden in un’intervista al Guardian spiegando che non ha “alcun intenzione di nascondersi perche’ so di non ave fatto nulla di male”.

Snowden, ex tecnico della Cia e attualmente dipendente della societa’ del settore difesa Usa, Booz Allen Hamilton, ha raccontato di aver lavorato per la NSa negli ultimi 4 anni come impiegato di societa’ che, come l’attuale, svolgono lavori in outsorcing per l’agenzia.

Il Guardian spiega di aver rivelato la sua identita’ su sua richiesta, anche se e’ consapevole che rischia di essere incriminato di alto tradimento come la talpa di Wikileaks, il caporale Bradley Manning, che ha fornito a Julian Assange, 700.000 file segreti del Pentagono e del Dipartimento di Stato, ora sotto corte marziale con il rischio dell’ergastolo.

“So che subiro’ le conseguenze delle mie azioni”, ha scritto in una nota che accompagnava la prima serie di dati forniti al quotidiano, “ma saro’ soddisfatto se l’insieme delle leggi segrete, lo sproporzionato scuse e i travolgenti poteri esecutivi che guidano il mondo che amo saranno rivelati anche solo per un attimo”.

Snowden, spera di ottenere asilo politico in qualche paese del mondo con l’Islanda “in cima alla lista”.

“Non mi nascondo, l’America deve sapere, così rischiamo di diventare una dittatura”, ha detto. Ma Washington teme cghe in realtà dietro di lui ci sia la Cina.(TMNEWS)