Scandalo Fifa, anche Mondiali in Brasile nel mirino dell’Fbi

5 Giugno 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Continuano a emergere nuovi scottanti dettagli nell’inchiesta di corruzione contro la Fifa. L’Fbi sta indagando infatti anche sulla Coppa del Mondo di calcio svolta in Brasile l’anno scorso e sulle mazzette pagate alla federazione di calcio irlandese perché non facessero ricorso dopo il fallo di mano dell’attaccante francese Thierry Henry non fischiato dall’arbitro nello spareggio che è costato a Dublino l’accesso ai Mondiali.

La Federazione del calcio mondiale, organizzazione no profit che in questi giorni è al centro di uno scandalo che si sta allargando a macchia d’olio con il sospetto di assegnazioni “truccate” in varie competizioni (per ora la Giustizia Usa indaga sui Mondiali di Russia, Qatar, Francia e Sud Africa), ha infatti ammesso di aver versato alla Federazione irlandese 5 milioni di euro per evitare che la vicenda del 2009 finisse in Tribunale.

A novembre Francia e Irlanda si stavano giocando lo spareggio per l’accesso ai Mondiali del 2010. Il fallo del francese Henry, non visto dall’arbitro, favorì il goal di Gallas e portò all’eliminazione dell’Irlanda, allora allenata da Giovanni Trapattoni. La Fifa fu minacciata di essere portata in Tribunale di risarcire i danni economici dell’eliminazione.

Le autorità americane vogliono poi fare luce sul rapporto intercorso tra il numero due della Fédération Internationale de Football Association, Jerome Valke, già nel registro degli indagati, e Ricardo Texeira, ex numero uno del calcio carioca che ha presieduto il comitato organizzatore di Brasile 2014 fino a quando non ha lasciato il paese nel 2012. Texeira non è, al momento, nella lista degli incriminati.

Intanto Londra sta cercando di rilanciare la sua candidatura per i Mondiali del 2022, qualora dovesse essere annulatta la vittoria del Qatar. Sono le autorità svizzere, in questo caso, a indagar sull’assegnazione sospetta alla Russia nel 2018 e all’emirato per i Mondiali succssivi.

(DaC)