Rublo al massimo di 7 anni, cosa sta accadendo?

20 Maggio 2022, di Gianmarco Carriol

Il rublo è salito al livello più alto degli ultimi sette anni contro l’euro poiché più società europee sembrano soddisfare la richiesta del presidente russo Vladimir Putin di passare al pagamento nella valuta russa per il gas naturale.

Il rublo è balzato fino al 9% rispetto all’euro, raggiungendo il livello più alto da giugno 2015, ed è salito di quasi il 5% rispetto al dollaro. La valuta russa è la migliore contro entrambi a livello globale quest’anno.

Grafico USD/RUB Settimanale - Tradingview

Rublo pronto a rafforzarsi ulteriormente

I controlli sui capitali, il crollo delle importazioni e l’aumento dei prezzi dell’energia hanno reso il rublo più forte di circa il 20% rispetto a prima dell’invasione dell’Ucraina. Il graduale allentamento delle restrizioni sul mercato da parte della banca centrale non è stato in grado di invertire l’apprezzamento, che potrebbe diventare un problema per il bilancio poiché gran parte delle entrate arriva in valuta estera.

Inoltre, molti clienti stranieri di Gazprom stanno rispettando le richieste di Putin aprendo conti in valuta estera e rubli con il braccio di prestito del gigante del gas, Gazprombank, per trasferire fondi per la conversione.

“La pressione sul dollaro e sull’euro aumenterà man mano che sempre più acquirenti di gas apriranno conti speciali”, ha affermato George Vaschenko, capo del dipartimento operativo del mercato azionario russo presso Freedom Finance. “Non ci saranno pressioni ogni giorno e la valuta potrebbe ricadere nell’intervallo 59-60 rubli – ma ci saranno sicuramente nuove ondate di rafforzamento”.

Secondo i dati della borsa di Mosca, gli scambi di euro contro rublo alla borsa di Mosca sono più che raddoppiati giovedì rispetto al giorno precedente.

Secondo il nuovo meccanismo di pagamenti, gli importatori di gas russo devono aprire due conti presso Gazprombank. Circa la metà degli oltre 50 clienti stranieri di Gazprom ha già aperto tali conti, ha affermato il vice primo ministro Alexander Novak all’inizio di questa settimana.

La lentezza delle sanzioni danno a Putin più tempo per essere provocatorio, per ora. Non sono state specificate le società o i paesi che rispettano il nuovo meccanismo di pagamento, affermando solo che alcuni dei principali clienti di Gazprom hanno pagato le consegne o sono pronti a pagare in tempo, evitando un taglio della fornitura.

Il mese scorso Gazprom ha interrotto i flussi di gas verso Polonia e Bulgaria per non aver rispettato il decreto di Putin. In Finlandia, i flussi su un gasdotto principale dovrebbero interrompersi nelle prime ore di sabato dopo che il Paese ha rifiutato di pagare in rubli.

“Il tasso di cambio potrebbe potenzialmente diventare ancora più forte”, ha affermato Evgeny Koshelev di Rosbank.