Roboadvisor, quando preferire un consulente è la scelta giusta

2 Settembre 2019, di Alberto Battaglia

Ormai i servizi di roboadvisory sono una realtà in grado di irretire l’attenzione e il portafoglio dei risparmiatori. La possibilità di pagare di meno per i servizi di consulenza è il miglior biglietto da visita per chi promuove il roboadvisor, ma in alcuni casi il ruolo di una figura professionale in carne ed ossa resta la scelta più appropriata.
A ritenere i roboadvisor un’innovazione utile, nonostante la sua posizione di parte, è il consulente certificato Jeff Rose (Good Financial Cents), che ha condiviso la sua visione sul perimetro di utilità di quest’innovazione.

Secondo Rose, il primo e più ovvio vantaggio del roboadvisor è il capitolo sui costi.“Laddove un consulente finanziario tradizionale addebita una tariffa pari all’1% o al suo portafoglio o più, la maggior parte dei roboadvisor costa la metà o ancor meno”, ha scritto Rose in un articolo pubblicato da insider.com, “con Betterment [una app disponibile anche in Italia], ad esempio, pagherai lo 0,25% all’anno sul tuo saldo, ovvero circa 25 dollari all’anno per ogni 10.000 dollari investiti nel tuo account”.

Inoltre, è importante considerare che le barriere d’ingresso per il roboadvisor sono solitamente assai più basse, con la possibilità di iniziare a investire anche con cifre sotto i 1.000 dollari.

Un altro vantaggio delle società che offrono servizi di roboadvisory è costituito dai servizi aggiuntivi gratuiti: “Mentre i consulenti finanziari tradizionali di solito non offrono nulla gratuitamente, a parte una riunione introduttiva e un’analisi finanziaria di base, alcuni robo-consulenti offrono strumenti gratuiti che puoi utilizzare sia che tu diventi cliente oppure no”.

Quando finiscono i vantaggi del roboadvisor? Essenzialmente quando ci si avvicina a due fronti: personalizzazione e gestione della complessità. “Se hai bisogno di capire quanto risparmiare per il college o se puoi permetterti di avere figli, ad esempio, un roboadvisor non offrirà molto aiuto in quel tipo di situazione”, ha affermato Rose, “se vuoi qualcuno che capisca veramente la tua vita e i tuoi obiettivi, vorrai sborsare i soldi per lavorare con un pianificatore tradizionale”.

Per quanto riguarda la gestione della complessità, il roboadvisor non offre un visione complessiva in grado di gestire grosse fortune, dislocate con varie peculiarità sotto il profilo fiscale. “Se hai una situazione fiscale estremamente complessa o hai bisogno di aiuto per pianificare una proprietà multimilionaria per ridurre al minimo le tasse e trasmettere più denaro ai tuoi eredi”, sarà opportuno rivolgersi a un planner con esperienza in questo settore.