Ridurre i consumi e risparmiare denaro adottando un approccio zero waste

23 Luglio 2019, di Alessandra Caparello

Adottando uno stile di vita senza sprechi, (leggi anche questo articolo) zero waste, si arriva a risparmiare 18mila dollari. A dirlo Kathryn Kellogg, autrice del bestseller “101 Ways to Go Zero Waste” che nel 2010 ha deciso di eliminare gli sprechi dalla sua vita.

A ispirarla inizialmente non è stata l’idea di risparmiare quanto piuttosto per un motivo di salute. Il timore di avere un cancro le ha fatto pensare a ciò che stava mettendo vicino al suo corpo, in particolare la plastica. Nelle bottiglie di acqua si trova spesso il bisfenolo A (BPA) la cui esposizione porta conseguenze negative per la nostra salute.
Entro il 2014 la Kellogg non solo ha smesso di usare la plastica, ma ha eliminato quasi tutti i prodotti di scarto, dalla carta e la plastica monouso ai vestiti nuovi e si veste per lo più nei negozi di seconda mano, riuscendo ad accumulare in un anno una cifra considerevole, ben 18mila dollari.

Ridurre i consumi e risparmiare denaro allo stesso tempo si può fare seguendo alcune semplici regole.

In primis è bene investire in materiali riutilizzabili. Alcuni dei maggiori risparmi della Kellogg derivano da sostituire articoli come bottiglie d’acqua, asciugamani di carta, spugne per piatti – prodotti che buttiamo sempre via – con oggetti riutilizzabili come strofinacci di stoffa, la spazzola in bambù per lavare i piatti e bottiglie riciclabili. Certo magari sono più costosi ma, assicura Kellogg, sono un investimento. Si pagherà di più ora per acquistare oggetti più costosi sì ma riutilizzabili e i risparmi saranno ripagati nel lungo periodo.

Altro utile accorgimento può essere quello di eliminare definitivamente gli alimenti trasformati dalla lista della spesa. Kellogg ha smesso di comprare snack non salutari e altri cibi spazzatura più costosi del cibo non preconfezionato. Al bando le buste di insalata già lavate.
L’autrice  dice di comprare solo quello che lei descrive come “vero, cibo intero”, frequentando il mercato contadino locale, che, a suo dire, è anche più economico rispetto al negozio. “Il mio conto della spesa è sceso di almeno 100 dollari al mese”, dice la Kellogg.

Altro modo per risparmiare è creando fai da te i prodotti per la cura della casa. Al posto di classici e aggressivi detersivi la Kellogg pulisce casa con una miscela di aceto e acqua che le permette di avere un acasa brillante i poco tempo e con meno soldi. Ma in generale il consiglio principale quando si vuole adottare un approccio zero waste è comprare meno ed essere più frugali su ciò che si acquista e i piccoli risparmi fatti qua e là cresceranno nel tempo.