Renzi, Merkel e Hollande: nessuno parla del rischio bocciatura dell’Italia da Ue

9 Ottobre 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – E’ improbabile che la Commissione europea accetti il piano pluriennale di budget dell’Italia, causa l’intenzione di Roma di rinviare il pareggio strutturale al 2017. E’ quanto ha riferito a Reuters una fonte della Commissione.

Di fatto, la legge di Stabilità presentata dal governo lo scorso mese ha rivisto al rialzo i target per il deficit, rimandando il pareggio di un anno. Secondo la fonte è dunque “molto improbabile” che la proposta venga accettata. Di conseguenza, l’Italia si avvicina agli occhi della Ue – e della Merkel – alla posizione della Francia, che ha chiaramente annunciato che non rispetterà i vincoli di bilancio.

La legge di Stabilità dovrà essere approvata dall’Italia entro il 15 ottobre e inviata a Bruxelles.”Il piano non è ancora arrivato a Bruxelles”, secondo la fonte della Commissione.

Tanti sorrisi e strette di mano tra il premier Renzi e i capi di governo europei in occasione del vertice Ue che si è tenuto a Milano. Ma la verità è che, nonostante gli sforzi del presidente del Consiglio, l’Italia rimane osservata speciale di Bruxelles.