Renzi: “inventiamo un partito diverso”

8 Agosto 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) -”Abbiamo bisogno del partito, ma la vecchia tessera non basta più, in un mondo che è sempre più precario e cambia velocemente, abbiamo bisogno di inventarci un partito diverso che non si basa solo su tessera e appartenenza, certo non basta una pagina Facebook, non bisogna perdere il gusto dell’abbraccio e della stretta di mano”. Lo afferma Matteo Renzi alla festa Pd di Bosco Albergati.

”Io non condivido ma rispetto capisco Bondi, Brunetta, Schifani e Santanché ma il compito del Pd è salvare l’Italia: le sentenze si rispettano e la legge è uguale per tutti”.

”Oggi più che mai c’è bisogno di un Pd che non stia insieme solo perché di là c’è una minaccia. Alcuni dirigenti del Pd hanno detto che dobbiamo aspettare di vedere cosa fa Berlusconi: sono vent’anni che facciamo tutto aspettando Berlusconi, almeno il congresso del Pd possiamo farlo senza di lui?”

”In questi 23 anni abbiamo visto passare di tutto, lo voglio dire qui. Dalle parti di Roma è passata la Lega Nord che dopo Roma ladrona si è piazzata lì e ha fatto di tutto, dai diamanti alle lauree in Albania. E abbiamo visto uno statista in camicia verde che ha insultato un ministro di questa terra. E per questo voglio mandare un grande abbraccio a Cecile Kyenge. Perché i Calderoli passano, la dignità resta”.

”Grillo è il principale sponsor delle grandi intese. Lui le vuole, ha paura di far cambiare le cose. Chi ha più paura delle elezioni sono i deputati del movimento 5 stelle.

“Quello che ha preso meno voti alle nostre primarie, il compagno Bruno Tabacci – ha continuato – ha preso più voti di tutti i candidati eletti alle parlamentarie del Movimento. Il Pd non deve avere paura, deve giocare all’attacco. Non deve vivere di fantasmi”. Renzi ha detto che Grillo è stata ”una delusione pazzesca”. (ANSA)