Realizzata fusione nucleare auto sostenibile: prima volta

9 Ottobre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – I ricercatori del National Ignition Facility, negli Stati Uniti, sono riusciti a realizzare una fusione nucleare “auto-sostenibile”, ovvero ottenere energia economica e potenzialmente illimitata a bassi costi.

Secondo quanto riportato dalla BBC un impianto di fusione nucleare dovrebbe produrre più energia di quanta ne consumi, un aspetto che finora è stato ritenuto quasi impossibile da raggiungere per far si che le centrali funzionino.

Ora il sacro Graal della fisica, una soluzione per riuscire a gestire la fusione nucleare, potrebbe essere a portata di mano. Si parla insomma di trasformazione di energia in altra energia illimitatamente e a basso costo.

Utilizzando 192 raggi provenienti dal più potente laser del mondo, gli scienziati hanno riscaldato e compresso una piccola pallina di carburante all’idrogeno fino al punto nel quale hanno inizio le reazioni di fusione nucleare.

Il risultato ha mostrato che l’energia rilasciata nel corso della reazione di fusione è stata pari a quella fornita al carburante.
[ARTICLEIMAGE]
Non tutta l’energia poi ha raggiunto la pallina e quindi questa ha sprigionato più energia di quella effettivamente ricevuta. L’impianto si auto sostiene perchè non considera l’energia necessaria per convogliare l’energia prodotta dalla fusione nucleare.

L’importanza del risultato sta nel fatto che potrebbe essere stato compiuto il passaggio decisivo per la produzione di energia in grande quantità ed a costi estremamente contenuti.