Ray Dalio, questione Taiwan mette a rischio l’economia globale peggio della guerra in Ucraina

12 Agosto 2022, di Alessandra Caparello

L’escalation di ritorsioni tra Stati Uniti e Cina legate alla questione Taiwan potrebbero portare a un conflitto più devastante per l’economia globale della guerra in Ucraina. Così l’investitore miliardario Ray Dalio in un post apparso sul suo blog in cui ha affermato che le tensioni tra Stati Uniti e Cina su Taiwan stanno seguendo un percorso di guerra.

La guerra della Russia contro l’Ucraina ha creato scompiglio nei mercati energetici e nel commercio mondiale, ma un conflitto tra Stati Uniti e Cina potrebbe causare danni ancora maggiori all’economia globale, ha avvertito l’investitore miliardario Ray Dalio.

“Se gli eventi continueranno a seguire questa strada, questo conflitto avrà un impatto globale molto più grande della guerra tra Russia e Ucraina, perché è tra le principali superpotenze del mondo, economicamente molto più grandi e molto più intrecciate”, ha scritto Dalio, definendo il conflitto tra Russia e Ucraina “minore in confronto”.

“La guerra russo-ucraina è minore in confronto, anche se i due conflitti sono collegati e la guerra russo-ucraina, come tutte le guerre, sta avendo conseguenze terribili. Ad esempio, si consideri che la quota della Cina nel commercio mondiale è più di sette volte superiore a quella della Russia e costituisce circa il 19% di tutte le importazioni di manufatti americani.

Taiwan, cosa pensa Ray Dalio di sanzioni alla Cina

La situazione attuale tra Stati Uniti e Cina, continua Dalio, è molto simile a quella che esisteva tra le potenze immediatamente precedenti alla prima e alla seconda guerra mondiale e a molti altri periodi immediatamente anteguerra.

La visita della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan la scorsa settimana ha scatenato una nuova escalation da parte della Cina, che ha sparato missili sull’isola come ritorsione. La Cina ha anche sanzionato Pelosi e cancellato gli incontri programmati con i leader statunitensi, sollevando il timore che gli Stati Uniti possano imporre le proprie sanzioni alla Cina.

In sostanza, continua l’investitore e imprenditore statunitense, fondatore di Bridgewater Associates, il più grande hedge fund del mondo, la visita della speaker della Camera Usa Nancy Pelosi è stata percepita dalla Cina come una mossa a favore dell’indipendenza di Taiwan piuttosto che verso un’unica Cina con Taiwan parte della Cina. La domanda è se gli Stati Uniti risponderanno con un’altra escalation che provocherà un’altra risposta cinese o se le parti faranno un passo indietro.

Dalio ha osservato che la Cina rappresenta circa il 15% delle esportazioni globali rispetto al 2% della Russia, secondo i dati di Statista e delle Nazioni Unite. Secondo l’Office of the US Trade Representative, la Cina rappresenta anche il 19% delle importazioni statunitensi di prodotti manifatturieri, il che significa che eventuali sanzioni economiche imposte alla Cina metterebbero in difficoltà una fetta dell’economia americana e creerebbero una catena di conseguenze a catena effetto domino per il resto del mondo.

“Immaginate cosa significherebbero le sanzioni alla Cina per il mondo intero. Le catene di approvvigionamento crollerebbero, l’attività economica precipiterebbe e l’inflazione si impennerebbe”, ha detto Dalio. E questi sono solo gli effetti di una guerra economica: una guerra militare potrebbe peggiorare la situazione”.

L’investitore e gestore di hedge fund vede però qualche speranza, poiché i leader di entrambi i Paesi stanno cercando di evitare il conflitto.

Un aspetto positivo è che le persone ragionevoli di entrambe le parti sono spaventate dalla guerra, anche se non vogliono dare l’impressione di esserlo. La cosa negativa è che alcune persone da entrambe le parti vogliono intensificare lo scontro perché non farlo di fronte alla provocazione sarebbe percepito come un segno di debolezza. Questa dinamica di alzare la posta in gioco per non dare l’impressione di indietreggiare si è rivelata nella storia una dinamica molto pericolosa. Abbiamo visto molti casi storici che hanno portato a guerre terribili perché nessuna delle due parti voleva tirarsi indietro e solo pochi casi in cui persone ragionevoli hanno fatto un passo indietro di fronte alla prospettiva di una distruzione inaccettabile.

La mia speranza – conclude Dalio – è che l’escalation cinese non porti alla prossima escalation statunitense, che porterà alla prossima escalation cinese che, nonostante il forte desiderio di entrambe le parti di evitare la guerra, porterebbe a una guerra. Ma la speranza non è una strategia, quindi cercherò di essere il più realistico possibile, di orientarmi di conseguenza e di comunicare bene con voi.