Quando andrai in pensione? Te lo dice il nuovo simulatore Inps

26 Gennaio 2023, di Alessandra Caparello

Calcolare quando andare in pensione con un semplice simulatore: questo l’obiettivo di “Pensami – Pensione a misura” messo a punto dall’Inps ha recentemente reso disponibile sul proprio sito web una nuova versione.

La nuova versione del simulatore Inps

La nuova versione del servizio “Pensami” è raggiungibile dal sito internet dell’Istituto attraverso il seguente percorso dalla homepage: “Prestazioni e servizi” > “Servizi” > “PensAMI – Simulatore scenari pensionistici. Rispetto alla prima versione del simulatore, sono state previste nuove funzioni per accompagnare l’utente nel percorso di comprensione della propria situazione previdenziale, al fine di consolidare il ruolo di “Pensami” come consulente pensionistico “di prima istanza” e come strumento di diffusione della cultura previdenziale.

Il simulatore, che può essere utilizzato inserendo pochi dati anagrafici e relativi alla contribuzione, fornisce informazioni riguardanti le pensioni cui è possibile accedere sia nelle singole gestioni previdenziali, sia cumulando tutta la contribuzione, ma non gli importi delle prestazioni.

La nuova versione di “Pensami” presenta un percorso semplificato per l’inserimento dei dati anagrafici e contributivi, la selezione di eventuali istituti aggiuntivi che potrebbero anticipare l’accesso alla pensione (riscatto titoli di studio universitari, periodi di lavoro all’estero, maternità fuori dal rapporto di lavoro, ecc.) e la visualizzazione dei possibili scenari pensionistici.

L’Inps ha realizzato inoltre dei video-tutorial per guidare l’utente durante il percorso, e una nuova funzione consulenziale per orientare le scelte dell’utente. Inoltre, il simulatore sarà presto aggiornato rispetto alle ultime novità legislative previste dalla legge di Bilancio per il 2023. È stato inoltre previsto il rilascio prossimo di una versione app per dispositivi mobili.

Investire per la pensione

Andare in pensione è un traguardo non sempre facile da raggiungere e anche se si riceve un assegno mensile da un ente previdenziale è bene arrivare al pensionamento con un buon gruzzoletto da parte.

Per assicurarsi che il denaro che si è risparmiato per tutta una vita possa garantire un pensionamento felice e sano, ottimizzare è la parola chiave. A tal proposito, i professionisti della finanza dicono che sarebbe intelligente allocare una quota maggiore del portafoglio in attività più rischiose, come le azioni. Man mano poi che ci si avvicina al pensionamento, le regole di pianificazione tradizionali impongono di spostare una parte maggiore del portafoglio in attività più sicure, come le obbligazioni, che sono meno soggette a bruschi cali che possono paralizzare i risparmi proprio quando ci si prepara a usarli.